ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Germania, calciatore curdo: servizi turchi hanno cercato di uccidermi

Deniz Naki vittima di un agguato in autostrada, è rimasto illeso

Lettura in corso:

Germania, calciatore curdo: servizi turchi hanno cercato di uccidermi

Dimensioni di testo Aa Aa

Qualcuno gli ha sparato nel cuore della notte e lui, un calciatore molto noto, accusa senza mezzi termini la Turchia di volerlo uccidere per le sue posizioni in favore dei curdi. Deniz Naki, un calciatore turco-tedesco di origini curde, stava viaggiando in un'autostrada in Germania quando di notte la sua auto è stata colpita da proiettili di pistola.

Il giocator dell'Amed Sk, club turco di Second League della provincia sud-orientale Diyarbakir, ha raccontato che qualcuno ha sparato contro la sua auto mentre visitava la famiglia.

Secondo il quotidiano tedesco WELT Naki stava guidando nei pressi di Düren, vicino a Colonia, quando ha sentito gli spari provenienti da una station wagon nera.

"Mi sono immediatamente abbassato, rotolando sulla destra sulla spalla. Mi sono spaventato a morte", ha detto. 

L'ex centrocampista di St Pauli e Paderborn ha condiviso le immagini dei fori dei proiettili sul veicolo, vicino a finestrino e pneumatico. La station wagon si è allontanata subito dopo. Naki ritiene che il fatto sia accaduto come conseguenza della sua attività politica in Turchia.  

"Questi spari dimostrano che non sono al sicuro in nessun luogo. Penso che l'uomo armato fosse un agente del governo turco, oppure un estremista di destra turco", ha detto Naki a un quotidiano tedesco. 

La politica di sinistra di Amburgo, Cansu Özdemir, ha parlato dell' incidente.

"Circa un'ora fa c'è stato un tentativo di assassinio ai danni dell'ex calciatore del St. Pauli e capitano della squadra curda Amed Spor, Deniz Naki. E' successo sull'autostrada in NRW (Renania Settentrionale-Vestfalia). Gli hanno sparato mentre guidava. Fortunatamente non è stato ferito"

Una portavoce del procuratore di Aquisgrana, Katja Schlenkermann-PittsAfter, ha detto che la squadra omicidi è stata informata per iniziare ad investigare sull'attacco.

"Intorno alle 23 sono stati sparati dei colpi contro la vettura del calciatore sull'A4 in direzione di Colonia. Stiamo indagando su un tentativo di omicidio", ha detto.

Il calciatore curdo-tedesco è stato condannato ad una pena detentiva, poi sospesa, di 18 mesi in Turchia lo scorso aprile con l'accusa di propaganda terroristica per il Pkk.

Naki ha negato qualsiasi illecito. "Ho dato un messaggio di pace. Ho detto che ero contro la guerra e sono stato punito per questo", ha detto dopo l'udienza.

"Sono innamorato della pace e darò sempre questo messaggio. Sono pronto a pagare qualsiasi prezzo".

Era in visita alla famiglia in Germania quando si è verificato l' incidente, ma tornerà in Turchia nei prossimi giorni. L'estate scorsa, Naki è stato picchiato da uno spettatore durante una partita.