ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Russia: i sostenitori di Navalny in piazza per sostenere la sua candidatura

In una ventina di città russe i sostenitori di Alexei Navalny sono scesi in piazza per sostenere la sua candidatura per le prossime elezioni presidenziali del marzo 2018. Navalny è stato giudicato ineleggile dalla Commissione elettorale fino al 2028 per un'accusa di appropriazione indebita

Lettura in corso:

Russia: i sostenitori di Navalny in piazza per sostenere la sua candidatura

Dimensioni di testo Aa Aa

La gente si mobilita oggi a supporto di Alexei Navalny, principale oppositore di Vladimir Putin che ha intenzione di sfidare l’attuale presidente candidandosi alle elezioni del marzo 2018. Da Vladivostok a Rostov sul Don a Mosca e San Pietroburgo, per un totale di una ventina di città, i sostenitori del carismatico avvocato e blogger anticorruzione dai toni a volte nazionalisti, si riuniscono per fare di Navalny il loro candidato davanti alle autorità elettorali locali.

Point of view

"Se ci impediranno di partecipare, faremo uno sciopero nazionale degli elettori"

Alexei Navalny Principale oppositore di Vladimir Putin

In ottobre Navalny, 41 anni, è stato dichiarato ineleggibile fino al 2028 dalla commissione elettorale per via di una condanna per appropriazione indebita che lui giudica totalmente costruita.

Per poter aspirare alla presidenza, come candidato auto designato, Navalny ha bisogno, secondo la legge russa, di essere sostenuto in ogni città da almeno 500 elettori per poter chiedere alla commissione elettorale centrale di essere iscritto sulla lista ufficiale dei candidati.

"Siamo pronti a vincere le elezioni. E le vinceremo!", ha detto Navalny da Mosca. "Se cercheranno di impedirci di partecipare, faremo uno sciopero nazionale degli elettori".

Gli altri candidati a sfidare Putin sono il 57enne Pavel Groudinine per il Partito Comunista, il rappresentante dell'estrema destra, Vladimir Jirinovski, e Ksenia Sobchak, 36enne giornalista televisiva, nominata dal Partito per l'iniziativa civile russa. di lei si dice sia l'unica candidata credibile e in grado di sfidare Putin. Figlia del mentore dell'attuale capo del Cremlino, ha un fortissimo seguito sui social. Ha dichiarato di sostenere Navalny e di essere pronta a ritirare la sua candidatura in caso lui fosse dichiarato eleggibile.