ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Nuove accuse di molestie sessuali per Dustin Hoffman

L'attore americano, già tirato in ballo dalla scrittrice Anna Graham Hunter, viene accusato di comportamenti inopportuni e di vere e proprie molestie da altre 3 donne. I fatti risalgono agli Anni Ottanta. Hoffman ha risposto attraverso i suoi legali parlando di «falsità diffamatorie».

Lettura in corso:

Nuove accuse di molestie sessuali per Dustin Hoffman

Dimensioni di testo Aa Aa

Si moltiplicano a carico di Dustin Hoffman le accuse di molestie sessuali e di comportamenti quanto meno inappropriati. Altre 3 donne sono uscite allo scoperto riportando episodi che risalgono agli anni Ottanta. Cori Thomas, amica e compagna di scuola di Karina, la figlia dell'attore, ricorda un evento che la lasciò sconvolta quando aveva 16 anni.

Cori Thomas: "Dopo un po' è uscito dal bagno con un telo in vita e poi lo ha lasciato cadere. Io sono rimasta siderata. Non avevo mai visto un uomo nudo in vita mia".

Uno sguardo dall'interno del mondo di Hollywood è poi quello di Kathryn Rossetter: racconta che Hoffman l’aveva palpeggiata più volte mentre recitavano assieme in uno spettacolo a Broadway nel 1984.

Kathryn Rossetter: "La gente mi chiede com'era lavorare con Dustin? E io rispondo con una mezza verità ossia che lavorare con un attore come lui...gli devo tutto. Ho imparato talmente tanto da lui. E poi mi fermo lì. E mi prende sempre un nodo allo stomaco su quale fosse la realtà: che aveva un atteggiamento da bullo e abusava della sua posizione".

"Siamo cresciuti in una cultura delle celebrità, perché sei bravo nello sport, nella musica o come attore non significa che tu sia completamente integrato, che tu sia un essere umano favoloso. La tua umanità e il tuo lavoro sono due cose diverse. Forse questa è parte della sua tragedia. Mette una tale umanità nel suo lavoro e non ne resta praticamente nulla nella sua vita".

Le accuse all'attore americano sono ormai oggetto di dibattito pubblico: la scorsa settimana si era dovuto difendere dalle domande incalzanti di uno dei partecipanti all'incontro organizzato al Tribecca Film Institute di New York per il ventennale del film Sesso e potere.