ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Migranti, sicurezza ed Europa: ecco l'Austria che verrà

Lettura in corso:

Migranti, sicurezza ed Europa: ecco l'Austria che verrà

© Copyright :
Foto: REUTERS/Leonhard Foeger
Dimensioni di testo Aa Aa

Europa sì, ma senza la Turchia (e con qualche distinguo)

Sì all'Europa, ma con qualche distinguo e senza la Turchia. Il patto di ferro tra Sebastian Kurz e Heinz-Christian Strache, che in Austria ha portato al governo l'estrema destra che fu di Haider, si sostanzia in un programma in cui trovano posto rassicurazioni a Bruxelles e controverse strette sulla gestione dei migranti. 

"È ovvio per me che daremo vita a un governo europeista - twitta l\\'ÖVP, citando il futuro cancelliere Sebastian Kurz -. Abbiamo dato vita a un programma di circa 180 pagine per un vero cambiamento nel nostro Paese. Tra l\\'altro, vogliamo semplificare la vita della gente"

"Niente Austria forte, senza un'Europa forte": Vienna prova a rassicurare Bruxelles

Ribadito alle telecamere dallo stesso leader del Partito della Libertà, il sostegno all'Europa si ritaglia un simbolico posto già nel preambolo delle sue 182 pagine. "Solo in un'Unione forte troverà spazio un'Austria forte", gli ha fatto eco il futuro cancelliere Kurz, escludendo di rimettere in discussione per referendum l'adesione di Vienna. L'adesione non è però totale: da programma e affermazioni dei due leader emerge chiaro l'auspicio a un "maggior margine di manovra" per i paesi membri e l'unanime appello a uno stop dei negoziati per l'adesione della Turchia. 

"Le minacce di Ankara non trovano posto (ndr: nelle nostre considerazioni) - twitta l\\'ÖVP, citando il futuro cancelliere Sebastian Kurz -. Siamo entrambi uniti nel sostenere che la Turchia non deve entrare nell\\'Unione Europea"

Qui il testo integrale del programma di governo presentato da ÖVP e FPÖ, con il titolo "Insieme. Per la nostra Austria".

Temporanea confisca dei cellulari e sospensione dei sussidi : i piani per i richiedenti asilo

Nel titolo del quotidiano tedesco "Die Welt" la sintesi di alcuni dei più controversi del programma: "I richiedenti asilo devono consegnare denaro e cellulari", twitta

Partorita da una campagna all'insegna dell'islamofobia e dell'allarme migranti, l'agenda di governo riconosce però come prioritario soprattutto l'impegno per la sicurezza. Fra gli strumenti previsti un potenziamento della lotta all'immigrazione illegale, ma anche controverse misure come la sospensione dei sussidi in denaro ai richiedenti asilo e la contemporanea confisca dei loro cellulari, per verificarne contenuti che possano fornire informazioni su storia personale e rotta. 

Disattese, invece le promesse elettorali di un'apertura alla democrazia diretta e di un "Ministero per la difesa della patria" tanto caro all'estrema destra di Strache, che da terzo partito, si consola però con quelli pesanti di interni, difesa ed esteri