ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Madagascar: prove tecniche di nuova elettricità

Solo un abitante su cinque ha la corrente elettrica in casa: ma ora ci sono tanti progetti di sviluppo, anche per l'economia

Lettura in corso:

Madagascar: prove tecniche di nuova elettricità

Dimensioni di testo Aa Aa

L’inviato di Euronews, Olivier Peguy, ci porta ancora alla scoperta del Madagascar.

“Siamo a Antananarivo, la capitale del Madagascar. Quasi 3 milioni di abitanti e una attività economica in piena espansione. Ma con un problema: infrastrutture spesso obsolete che bisogna modernizzare. Per esempio: la rete elettrica”.

Strutture mal gestite, collegamenti illegali, talmente illegali da causare ripetute interruzioni di corrente.L’organizzazione che gestisce la produzione e la distribuzione di energia elettrica si chiama JIRAMA. Questa società pubblica è in fase di ristrutturazione. I suoi funzionari dicono di aver colto il problema: le infrastrutture obsolete.

“Dobbiamo investire per rinnovarle, e ci vuole un po ‘ di tempo”, spiega Olivier Jaomiary, direttore generale di Jirama. “Il piano aziendale che abbiamo sviluppato nel 2017 è quello di risolvere tutto in tre anni. Nel 2020 pensiamo di uscire dal problema di tutti questi mal funzionamenti nella rete di distribuzione, per avere finalmente una rete di qualità, stabile”.

“Possiamo avere sviluppo industriale e crescita economica solo se l’energia è disponibile”, continua Hyacinte Befendo Todimanana, amministratore delegato di Jirama. “È essenziale per l’aumento della produzione energetica e l’accesso dei cittadini all’elettricità e all’energia: faremo il più rapidamente possibile. “

Per quanto riguarda la produzione di energia elettrica, vi è un doppio problema:
1) come soddisfare i crescenti bisogni della popolazione e dell’economia?
2) come produrre elettricità più economica, per alleggerire i costi di Jirama?

La strategia scelta è quella di sostituire gradualmente le centrali diesel con impianti che utilizzano olio pesante meno costoso. Due di questi impianti chiamati HFO (acronimo di Heavy Oil Fuel) sono stati costruiti negli ultimi mesi ad Ambohimanambola, a 20 km dalla capitale “.

“La particolarità di questo sito è duplice: da un lato, risponde al bisogno di energia (ora abbiamo una capacità di 48 megawatt), e dall’altro a una logica di riduzione dei costi”, spiega Benjamin Memmi, direttore generale di Jovena Madagascar, “con una transizione caldeggiata dalle autorità: vale a dire, il passaggio dal diesel all’olio combustibile pesante”.

“Se si guarda alla catena completa – dal diesel – una necessità per affrontare immediatamente i problemi – si sta passando al combustibile pesante”, dice Rajesh Singhal, direttore di Aksaf Power. “Inoltre, in parallelo, stiamo cercando di sviluppare energia solare e idroelettrica. Cio’ permetterà un buon mix di energia e un’alimentazione elettrica stabile. “

La prossima fase della transizione è il maggiore utilizzo delle energie rinnovabili. Il paese ha un grande potenziale: vento, sole e acqua. Sono in corso diversi progetti, tra cui la costruzione di nuove dighe idroelettriche.

Attualmente, solo un abitante del Madagascar su 5 ha accesso all’elettricità. Il 20% della popolazione è dato effettivamente molto basso. L’obiettivo del governo è che in 15 anni, i tre quarti della popolazione abbiano la corrente elettrica in casa.

Per saperne di piu’

Sito di Jirama

Articolo sulla ristrutturazione di Jirama

Articolo su Heavy Fuel Oil

Sito del gruppo Jovena

Sito della centrale HFO di Aksaf Power Limited