ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Antonio Ledezma: "per ripartire, il Venezuela deve sbarazzarsi della narcotirannia"

Intervista a Antonio Ledezma, oppositore politico venezuelano ed ex sindaco di Caracas. In fuga dal carcere, si è recato a Strasburgo per ricevere il premio Sakharov per la libertà di pensiero del Parlamento europeo

Lettura in corso:

Antonio Ledezma: "per ripartire, il Venezuela deve sbarazzarsi della narcotirannia"

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Venezuela ha battuto un record di tre elezioni in soli cinque mesi: locali, regionali e per eleggere l’Assemblea costituente. Grazie a questi scrutini il presidente Nicolás Maduro ha ottenuto un potere quasi assoluto. Un risultato prevedibile, considerando che l’opposizione ha boicottato le elezioni dopo aver segnalato ogni tipo di irregolarità.

Si stima che in Venezuela ci siano 380 prigionieri politici. Tra coloro che hanno pagato con la libertà l’opposizione politica c‘è Antonio Ledezma, ex sindaco di Caracas. Dopo 1000 giorni di detenzione in carcere e agli arresti domiciliari, è finalmente riuscito a fuggire dal paese il 18 novembre, prima in auto in Colombia, e poi in aereo per Madrid.

Euronews lo ha intervistato a Strasburgo, dove ha ricevuto il premio Sakharov del parlamento europeo per la libertà di pensiero.

Guardate l’intervista completa.