ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

One Planet Summit: un fallimento di grande successo

Lettura in corso:

One Planet Summit: un fallimento di grande successo

Dimensioni di testo Aa Aa

Molte promesse, molti compromessi, un impegno innegabile da parte del settore privato. Ma secondo le voci più critiche, il One Planet Summit di Parigi si è concluso con un bilancio insufficiente ad affrontare la sfida della catastrofe annunciata del cambiamento climatico. Euronews ha interpellato alcune delle figure presenti

Feike Sijbesma, amministratore delegato di DSM: "Siamo riusciti a trovare un terreno di gioco comune, restano certo alcune differenze ma non c'è più scappatoia. Questo è quello che il mercato chiede: stabilità, un maggiore controllo a livello globale per raggiungere un prezzo sensato del carbone. Oggi è un gran giorno per mettere a segno gli obiettivi di Parigi".

Laurence Tubiana, amministratrice delegata della European Climate Foundation: "La finanza non si muoverà da sola per miracolo. Certo, esiste una sorta di movimento grazie al quale tutti tendono ad andare nella stessa direzione, è quel che accade nel mercato finanziario, è il motivo per cui ci sono sempre più investimenti nell'economia verde, più aziende e persone che tolgono i propri investimenti dai carburanti fossili. E anche solo l'idea ha un effetto positivo".

Alexandre Naulot, portavoce di Oxfam, vede le cose diversamente: "È una gran delusione, ci aspettavamo un grande vertice dedicato alla questione dei finanziamenti per adattarsi al cambiamento climatico, riguardo all'adattamento delle popolazioni più povere colpite direttamente dal cambiamento climatico, i disastri come tifoni, siccità, inondazioni. E invece i finanziamenti non si sono visti".

Grégoire Lory , euronews: "Tutti i partecipanti hanno accolto favorevolmente lo slancio politico gli sforzi economici annunciati nel vertice. Ma numerosi osservatori hanno sottolineato che tali promesse non saranno sufficienti a limitare l'innalzamento della temperatura al di sotto dei 2 gradi centigradi".