ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bali aspetta la grande eruzione

Lettura in corso:

Bali aspetta la grande eruzione

Dimensioni di testo Aa Aa

L'isola di Bali è in attesa, da quando le autorità hanno messo in guardia su una possibile eruzione imminente del vulcano Agung. Centomila persone sono state evacuate e l'aeroporto internazionale è rimasto chiuso per alcuni giorni. Lo stallo sta mettendo a dura prova l'economia, soprattutto nel turismo e nell'agricoltura. 

Proprio sulle pendici del vulcano, nel piu' grande tempio induista dell'isola, gli abitanti chiedono a Dio di inviare un segnale.

"Abbiamo supplicato Dio onnipotente di darci una risposta definitiva il prima possibile. Ci siamo preparati per affrontare le consequenze, perchè tutti coloro che si trovano nella zona di pericolo che potrebbe essere colpita dal vulcano sono stati evacuati", spiega I Gusti Ayu Mas Sumantri della Reggenza di Karangasem.

L'ultima grande eruzione di Agung, nel 1963, causo' la morte di circa 1.100 persone. Tra gli abitanti che hanno lasciato le loro case nei giorni scorsi ci sono alcuni sopravvissuti al disastro di tanti anni fa. Inevitabile per loro ricordare quei terribili istanti. 

"Vidi le rocce scendere dalla montagna con un rumore molto forte... Le pietre erano grandi, e portavano fuoco con loro. Sono le stesse rocce che adesso stanno scavando nella miniera sabbia. Quello che sta succedendo adesso non è niente. A quei tempi una colata di fango scendeva dal cratere, poi segui' una grande esplosione", racconta Nyoman Arse, 78 anni, sopravvissuto all'eruzione di Agung del 1963. 

Decine gli accampamenti temporanei in cui hanno trovato riparo per ora gli sfollati, in attesa della grande eruzione che per ora non è ancora arrivata.