ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Rimpatrio per i rohingya fuggiti in Bangladesh

La minoranza musulmana che in Myanmar subisce persecuzione di Stato verrà rimpatriata. Si tratta di 600mila profughi fuggiti da quella che è stata definita pulizia etnica

Lettura in corso:

Rimpatrio per i rohingya fuggiti in Bangladesh

Dimensioni di testo Aa Aa

Fuggiti per scappare a morte e torture, vittime di ogni tipo di vessazione e della fame durante il loro viaggio e ora costretti a tornare indietro. Il Myanmar ha firmato un protocollo d’intesa con il Bangladesh questo giovedì per il rimpatrio dei rohingya fuggiti nello Stato confinante per salvarsi dalle persecuzioni dell’esercito del Myanmar.
Rientrareanno in patria non appena l’accordo sarà formalizzato. L’esodo dei rohingya, minoranza musulmana dalla regione birmana del Rakhine verso il Bangladesh, si è tradotto in 600mila profughi negli ultimi quattro mesi causando un’emergenza umanitaria che il Bangladesh, uno dei più poveri dell’Asia, fatica a fronteggiare.
I rhoingya sono fuggiti da persecuzioni che anche il segretario di Stato americano Rex Tillerson questo mercoledì, ha definito pulizia etnica. Dichiarazione a seguito della quale Washington ha cancellato tutti i viaggi nella regione birmana del Rakhine dei funzionari americani, a tutela della loro sicurezza.