ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

"La crisi tedesca è una grossa opportunità per l'Ue"

Corina Horst, del German Marshall Fund, mette in evidenza le contraddizioni nella reazione di panico che sta attraversando l'Europa in seguito all'indebolimento di Angela Merkel

Lettura in corso:

"La crisi tedesca è una grossa opportunità per l'Ue"

Dimensioni di testo Aa Aa

Ha attraversato venti e tempeste, ha stretto la mano di quattro presidenti francesi e due presidenti della Commissione europea. Dopo averla avuta 12 anni al potere della Germania, l'Europa sembra non riuscire più a immaginarsi senza Angela Merkel, e il panico per un motore franco-tedesco "zoppo" si diffonde. Ma perché una crisi politica in un solo stato membro fa così paura? Risponde l'eurodeputata francese Nathalie Griesbeck: "Io sono molto preoccupata per la situazione dei miei amici tedeschi, e sono molto arrabbiata con diversi leader di partiti politici. Eravamo arrivati a un punto della storia dell'Europa con l'arrivo di Macron che ci poteva permettere di trovare un nuovo respiro".

Ma Merkel non è mai stata realmente osannata in Europa. Gli analisti se ne ricordano, e mettendo in luce le contraddizioni nelle reazioni, fanno presente che forse è il momento di approfittarne per prendere la situazione nelle proprie mani. Corina Horst, del German Marshall Fund, commenta: "Capisco perfettamente che i governi europei siano sorpresi, perfino preoccupati, perché il cambiamento è sempre un po' destabilizzante all'inizio. Ma credo che quanto accaduto in questi giorni in Germania rappresenti una grossa chance. È un po' ironico che prima si dicesse: oddio, la Germania è troppo forte, non vogliamo questo; e ora che la Germania è indebolita, non piace nemmeno questo. In realtà è una grande opportunità per il resto dell'Unione europea".