ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Judo, Grand Prix L'Aia: i Paesi Bassi dominano il medagliere della prima edizione

Sì è concluso nel segno dell’Olanda la prima edizione del Grand Prix di judo di L’Aia.

Lettura in corso:

Judo, Grand Prix L'Aia: i Paesi Bassi dominano il medagliere della prima edizione

Dimensioni di testo Aa Aa

Sì è concluso nel segno dell’Olanda la prima edizione del Grand Prix di judo di L’Aia. Tessie Savelkouls ha vinto l’oro nella categoria sopra i 78 chilogrammi. In finale l’atleta di casa ha battuto per ippon la lituana Sandra Jablonskyte.

Podio tutto olandese nella categoria fino a 78 chilogrammi. La vicecampionessa europea Guusje Steenhuis si è imposta sulla più esperta Marhinde Verkerk grazie ad una penalità dopo oltre due minuti di golden score. Nella finale per il bronzo Karen Stevenson ha sconfitto l’azzurra Linda Politi con un waza-ari.

La festa oranje è continuata anche tra gli uomini grazie a Roy Meyer, che ha ribaltato i pronostici nella categoria sopra i 100 chili. In finale il judoka di casa si è aggiudicato l’oro battendo con un waza-ari il polacco Maciej Sarnacki, testa di serie numero uno del torneo.

Nella categoria sotto i 100 chili due waza-ari hanno consegnato il titolo al russo Kazbek Zankishiev, che ha avuto la meglio sullo svedese Joakim Dvärby in una finale senza storia. Per il judoka russo si tratta del secondo titolo in un Grand Prix.

Tutto come da pronostico nella categoria sotto i 90 chilogrammi. L’oro è andato ad Aleksandar Kukolj, campione europeo in carica e numero uno del tabellone. Un waza-ari a 30 secondi dal termine ha consegnato il titolo al 26enne serbo nella finale contro il russo Magomed Magomedov. Hanno fatto poca strada gli azzurri Domenico Di Guida e Walter Facente.

L’Olanda domina il medagliere del torneo con 5 ori, 2 argenti e 5 bronzi. Per l’Italia una sola medaglia, quella conquistata da Martina Lo Giudice nella categoria fino a 57 chilogrammi.