ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Brexit: Londra ha due settimane per fare chiarezza sul conto da pagare a Bruxelles

Prima del vertice europeo di dicembre i due partner devono raggiungere un accordo su tre questioni chiave del divorzio tra Londra e l'UE

Lettura in corso:

Brexit: Londra ha due settimane per fare chiarezza sul conto da pagare a Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

Due settimane per sbloccare i negoziati sulla Brexit: una sorta di ultimatum lanciato venerdì da Bruxelles a Londra, che dovrà chiarire una volta per tutte come intende onorare gli impegni finanziari assunti dal Regno Unito prima di poter abbandonare l’Unione europea.
“Dobbiamo e vogliamo dare certezze, inclusa la certezza del diritto in un momento in cui la Brexit crea incertezze e molta preoccupazione”, ha affermato Michel Barnier durante la conferenza stampa al termine del sesto ciclo di negoziati.
Sulla questione delle frontiere in Irlanda, stando ad un documento interno, l’UE suggerirebbe di mantenere l’Irlanda del Nord nel mercato unico e nell’Unione doganale per preservare l’accordo del venerdi santo.
“Riconosciamo la necessità di soluzioni specifiche per le circostanze uniche dell’Irlanda del Nord- ha precisato David Davis-. Ma lasciatemi chiarire che questo non può comportare la creazione di un nuove frontiere all’interno del Regno Unito “.
Come spiega il nostro corrispondente, Damon Embling:“Si conclude un altro ciclo di negoziati difficili qui a Bruxelles e, sebbene siano stati fatti alcuni progressi, è chiaro che entrambe le parti devono ancora lavorare sui principali punti di disaccordo: i confini in Irlanda, i diritti dei cittadini e la fattura per la Brexit. Il gioco si fa duro in vista del vertice europeo previsto tra un mese, mentre Londra cerca disperatamente di avviare i negoziati sulle future relazioni commerciali con l’Unione europea.