ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Esperimento conferma: le pecore possono riconoscere le nostre facce

Gli animali in grado di distinguere i volti di alcune celebrità come Barack Obama ed Emma Watson. I test mirano a fare nuova luce sui processi degenerativi del cervello alla base della malattia di Hungtinton, al momento incurabile

Lettura in corso:

Esperimento conferma: le pecore possono riconoscere le nostre facce

Dimensioni di testo Aa Aa

Le pecore possono essere addestrate per riconoscere le facce di noi uomini dalle fotografie. Lo rivela una nuova ricerca scientifica dell’ università di Cambridge

Lo studio, pubblicato l’8 novembre nella rivista Royal Society: Open Science, fa parte di una serie di test somministrati ai bovidi per monitorare le loro abilità cognitive. Si tratta di animali longevi dal cervello relativamente grande e questo li rende adatti alla ricerca sulla còrea di Hungtinton, malattia neurodegenerativa che esordisce durante la mezza età.

I ricercatori del dipartimento di Fisiologia, Sviluppo e Neuroscienze dell’ateneo inglese hanno addestrato otto pecore a riconoscere le facce di quattro “volti noti”, ovvero Fiona Bruce, Jake Gyllenhaal, Barack Obama e Emma Watson, dopo averli visualizzati in fotografia sugli schermi messi loro davanti. Otto volte su dieci il risultato è stato quello corretto.

Scegliere la foto giusta tra le due proposte attiva, nell’esperimento, un meccanismo di “ricompensa” per l’animale nella forma di cibo somministrato attraverso un dosatore. Per capire fino a che punto si spingano le abilità cognitive delle pecore, gli scienziati hanno provato a proporre anche delle fotografie di volti messi di profilo. La performance, in questo caso, è calata ma non di tanto, scrive l’Università di Cambridge sul suo sito: appena del 15%. “Un numero comparabile a quello degli uomini che hanno svolto lo stesso test”.

I bovidi sono stati in grado di riconoscere anche i ritratti dei loro addestratori, che in media spendono in loro compagnia due ore al giorno. Sette volte su dieci la pecora ha scelto il volto familiari rispetto a quello di uno sconosciuto.

“Le pecore hanno cervelli simili per dimensioni e complessità a quelli di alcune scimmie. Ciò significa che possono essere modelli utili per aiutarci a comprendere i disturbi cerebrali, come la còrea di Huntington”, ha dichiarato la professoressa che ha guidato lo studio, Jenny Morton. Il suo team di recente ha iniziato ad effettuare studi su pecore geneticamente modificate portatrici della mutazione alla base della malattia. Un morbo al momento incurabile.

Il riconoscimento facciale coinvolge diverse parti del cervello: monitorare quanto bene la pecora affetta da morbo di Huntington riconosca i volti, man mano che la malattia si manifesta, potrebbe aiutare a rivelare i primissimi segni della menomazione, scrive il Guardian, oltre a mostrare l’efficacia e gli effetti collaterali delle terapie geniche sperimentali che mirano a bloccare la mutazione della malattia.

BONUS: E VOI, QUANTO BRAVI SIETE A RICONOSCERE LE PECORE?