ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

TODO: Add variables

no comment

Gli incendi devastano i boschi di Piemonte e Lombardia

Oltre duecento vigili del fuoco, 65 mezzi e 10 velivoli tra Canadair ed elicotteri stanno operando in Piemonte e Lombardia per l’emergenza incendi che sta interessando da giorni le due regioni. In Piemonte, sottolinea il Dipartimento dei Vigili del Fuoco, sono impegnati 158 uomini e 43 mezzi antincendio in particolare nelle province di Torino, dove si registrano le maggiori criticità nei comuni di Monpantero, Cantalupa, Caprie e Cumiana in val Susa, Locana e Traversella, e di Cuneo, nei comuni di Demonte e Casteldelfino. In Lombardia sono invece 66 gli uomini impegnati a terra, con 21 mezzi nelle province di Brescia, Como, Sondrio e Varese. I velivoli impegnati complessivamente sono dieci: 8 Canadair – di cui due arrivati dalla Croazia – e due elicotteri.

In un anno sono raddoppiati i boschi bruciati dagli incendi sulle montagne lombarde. Questa la stima della Coldiretti regionale rispetto ai roghi che stanno devastando le province di Varese, Como, Lecco e Sondrio. Il fronte del fuoco si è allargato in un anno passando dai 200 ettari arsi nel 2016 ai 450 ettari attuali. Nel 2015 erano stati registrati 225 incendi, con un significativo aumento sull’anno precedente (+132) e sulla media del decennio (169 all’anno). In 1 caso su 2 è colpa dell’uomo: nel 44% si tratta di eventi dolosi e nel 7% involontari, mentre il 48% ha cause dubbie, solo l’1% è riconducibile a cause naturali.

“Chiederemo lo stato di emergenza nazionale”, per gli incendi ha detto l’assessore alla Protezione Civile della Lombardia, Simona Bordonali, alla conferenza stampa dopo la riunione di Giunta col presidente Roberto Maroni. L’assessore ha spiegato che vedrà a Varese il ministro dell’Interno, Marco Minniti, in un incontro fissato in prefettura.

Altri No Comment