ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Abu Dhabi Judo Grand Slam: medaglie per Israele e Belgio

Abu Dhabi Judo Grand Slam, prima giornata: nella categoria donne -52 kg, successo per la belga Charline Van Snick, che supera in finale la concorrenza della brasiliana Erika Miranda, guadagnando la me

Lettura in corso:

Abu Dhabi Judo Grand Slam: medaglie per Israele e Belgio

Dimensioni di testo Aa Aa

Abu Dhabi Judo Grand Slam, prima giornata:

nella categoria donne -52 kg, successo per la belga Charline Van Snick, che supera in finale la concorrenza della brasiliana Erika Miranda, guadagnando la medaglia d’oro.

Il risultato legittima la decisione della vincitrice di passare alla categoria più pesante, giunta dopo le Olimpiadi di Rio nel 2016.

Terzo gradino del podio per l’israeliana Cohen e la rumena Florian.

Charline Van Snick, judoka:

“Mi sento così felice, è stata una giornata incredibile per me, oggi tutto era così chiaro, ho capito le mie abilità in questa categoria, quanto io possa fare, è stato illuminante”.

Proprio una delle terze classificate, la rumena Florian, ha prodotto il miglior judo in categoria, sconfiggendo la statunitense Angelica Delgado per ippon con uno spettacolare uchi mata

Presente all’evento lo Sceicco Mubarak Al Nahyan, Ministro emiratino della Cultura e Sviluppo della Conoscenza.

Nella categoria -48 kg, invece, a vincere è la russa Irina Dolgova, che batte la serba Nikolic, argento, nella gara che ha visto medaglie di bronzo la kazaka Galbadrakh e l’argentina Pareto.

L’uzbeko Lutfillaev è stato inoltre protagonista nella categoria maschile -60kg, prendendosi il bronzo contro il kazako Kyrgyzbayev grazie ad uno strabiliante uchi mata.

Alla fine, l’oro finisce tra le mani del russo Robert Mshvidobadze, premiato dal Presidente della Federazione Internazionale, Vizer, dopo la vittoria in finale ai danni del brasiliano Kitadai.

Nella categoria uomini -66 kg, a sbaragliare la concorrenza è l’israeliano Tal Flicker, nuovo numero 1 al mondo, bravo a superare le resistenze dell’azero Shikhalizada, argento.

Terza piazza per il russo Abdulzhalilov ed il georgiano Margvelashvili.

Nella categoria donne -57 kg, sconfitta in finale per la campionessa olimpica brasiliana Rafaela Silva, per mano della mongola Dorjsuren, campionessa del mondo che rafforza il suo dominio.

Bronzo per la russa Konkina e la britannica Smythe-Davis.

La mossa del giorno, per chiudere, viene dal kazako Kyrgyzbayev, che batte l’asiatico Lai con una fenomenale tecnica di proiezione denominata “ura nage”.