ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Giovani uccisi: parla sorella vittima

Lettura in corso:

Giovani uccisi: parla sorella vittima

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – NUORO 19 OTT – “Stefano la sera del 7 maggio 2015 èuscito per andare al bar Planet, in centro. Qui ha ricevuto latelefonata di Paolo Enrico Pinna, ha quindi salutato ilproprietario e un amico e a tutti e due ha detto che stavaandando a casa di Pinna”. Così Valentina, 36 anni, sorella diStefano Masala, il 29 enne di Nule scomparso la sera del 7maggio 2015 e mai tornato a casa, ha ricostruito le ultime oredi vita del giovane davanti alla Corte d’assise di Nuoro. Alla sbarra con l’accusa di omicidio e occultamento dicadavere, Alberto Cubeddu, 21 anni, di Ozieri: il suo complice,il cugino Paolo Enrico Pinna, all’epoca dei fatti minorenne, ègià stato condannato a 20 anni. Ai due viene contestato anchel’assassinio dello studente di Orune Gianluca Monni, ucciso lamattina successiva alla sparizione di Stefano Masala. Duedelitti per una offesa – questa la ricostruzione degliinquirenti – che Gianluca ha rivolto a Paolo Enrico Pinnadurante una festa di paese, Cortes Apertas, nel dicembre 2014.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.