ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Un rinoceronte dal corno strappato è la più bella foto naturalistica 2017

Premiata anche una bambina di 5 anni italiana. Quindici scatti selezionati dal Museo di Scienze Naturali di Londra: si aggiudicano il Wildlife Photographer of the Year 2017, il più prestigioso premio di fotografia del settore

Lettura in corso:

Un rinoceronte dal corno strappato è la più bella foto naturalistica 2017

Dimensioni di testo Aa Aa

I vincitori del Wildlife Photographer of the Year sono stati annunciati ieri dal Natural History Museum di Londra

Il sudafricano Brent Stirton si è aggiudicato il premio principale con lo scatto ‘Memorial to species’ in cui è ritratto un rinoceronte morto e mutilato, ucciso dai bracconieri per il suo corno. Stirton, corrispondente Verbatim e Getty i cui lavori sono apparsi sui principali media di tutto il mondo, si è aggiudicato anche la categoria Story.

Roz Kidman Cox, giudice del premio, ha dichiarato: “Rendere una scena così tragica quasi maestosa, nel suo potere scultoreo, merita il massimo riconoscimento. C‘è crudezza, ma anche molta intensità e quindi dignità nell’immagine del gigante caduto. E’ anche un simbolo di uno dei più crudeli e inutili crimini contro la natura, che deve far gridare pubblicamente allo scandalo”

“Gli assassini appartengono probabilmente ad una comunità rurale della Hluhluwe Imfolozi Game Reserve. Si sono introdotti nella riserva di notte e hanno ucciso il rinoceronte usando un silenziatore. Hanno strappato il più in fretta possibile i due corni e sono scappati via prima dell’arrivo delle guardie”, si legge nella didascalia della foto. “Saranno vendute al mercato nero in Cina o Vietnam attraverso il Mozambico”.

Daniël Nelson, olandese, si è aggiudicato il titolo di emergente Young Wildlife Photographer of the Year, oltre a quello per l’età compresa tra i 15 e i 17 anni, con lo scatto ‘The Good Life’ in cui è protagonista Caco, un gorilla intento a mangiare il frutto dell’albero del pane.

Questa la lista completa dei vincitori, categoria per categoria (in fondo l’album completo, da sfogliare
Tra questi nomi troverete quello di un’italiana, Ekaterina Bee, 5 anni e mezzo. Scrive il Corriere della Sera “La foto è stata realizzata durante un viaggio lungo la costa della Norvegia centrale a un gruppo di gabbiani a caccia di aringhe. Ho gettato loro del pane e subito si sono avvicinati. Quello che più mi ha colpito è stato il loro sguardo curioso.” Erano 50mila i concorrenti provenienti da 92 paesi. Tutte le immagini saranno esposte al museo a partire da venerdì 20 ottobre. L’esposizione si sposterà poi in altre nazioni come Canada, Spagna, USA, Australia e Germania.

10 years and under: “The grip of the gulls”, Ekaterina Bee, Italy
1-14 years old: “Stuck in”, Ashleigh Scully, USA
Animal Portraits: “Contemplation”, Peter Delaney, Ireland/South Africa
Behaviour – Invertebrates: “Crab surprise”, Justin Gilligan, Australia
Behaviour – Birds: “The incubator bird”, Gerry Pearce, UK/Australia
Behaviour – Amphibians and Reptiles: “The ancient ritual”, Brian Skerry, USA
Behaviour – Mammals: “Giant gathering”, Tony Wu, USA
Earth’s environments: “The ice monster”, Laurent Ballesta, France
Animals in Their Environment: “The night raider”, Marcio Cabral, Brazil
Black and white: “Polar pas de deux”, Eilo Elvinger, Luxembourg
Plants and fungi: “Tapestry of life”, Dorin Bofan, Romania
Underwater: “The jellyfish jockey”, Anthony Berberian, France
Wildlife Photojournalist: Single image – “Palm-oil survivors”, Aaron ‘Bertie’ Gekoski, UK/USA

Wildlife Photographer of the Year 2017 - Winning images