ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Lotta al terrorismo: presentate nuove misure UE

La

Lettura in corso:

Lotta al terrorismo: presentate nuove misure UE

Dimensioni di testo Aa Aa

Difronte alla minaccia di un terrorismo che ormai ha mutato forma e in cui vittime e carnefici spesso hanno entrambi passaporti europei è possibile rendere più sicure le nostre società? Prevenire la radicalizzazione potrebbe ridurre la minaccia terroristica. Nel cuore di Bruxelles è stato istituito “BRAVVO”, un servizio pubblico per rilevare e contrastare i casi di radicalizzazione violenta nel quartiere. Ma non esistono metodi standardizzati per combattere il fenomeno. “E’ molto difficile affermare che esistono fattori che indicano che se rileviamo un certo elemento allora questa persona assumerà quel tipo di comportamento, perché non è così”, spiega Veerle Berx direttrice del centro di prevenzione. “Dobbiamo evitare qualsiasi stereotipo e dobbiamo avere un approccio individualizzato per la persona che abbiamo di fronte”.
Negli ultimi due anni il moltiplicarsi di attacchi terroristici in Europa ha generato un forte senso di insicurezza tra la popolazione e ha spinto i governi ad adottare soluzioni emergenziali. La lotta al terrorismo è inoltre balzata al vertice delle priorità della Commissione europea, che mercoledì ha lanciato un pacchetto di misure. “Dobbiamo accettare che i terroristi non si fermano – ha affermato il commissario alla sicurezza, Julian King -. I loro metodi cambiano e noi dobbiamo adattare la nostra risposta”.


Le raccomandazioni rivolte agli Stati membri puntano a rendere più difficile l’acceso a quei materiali usati per fabbricare esplosivi rudimentali, a migliorare la cooperazione tra Europol e i servizi di polizia dei paesi terzi, ma anche ad aumentare la sicurezza negli spazi pubblici.
Come spiegato dalla nostra corrispondente Elena Cavallone, “molte delle misure presentate dalla Commissione europea attualmente sono già utilizzate da alcuni Stati membri. Con questo pacchetto, l’esecutivo europeo vuole uniformare la lotta al terrorismo all’interno dell’Unione europea, a volte ancora troppo frammentata”.