ULTIM'ORA

Esclusivo: la versione dei Mossos d'Esquadra catalani

Albert Oliva si difende dalle accuse e rilancia: "La polizia non deve lavorare al servizio di nessun partito, interesse politico o ideologia ma per la sicurezza pubblica. Questa è la nostra funzione"

Lettura in corso:

Esclusivo: la versione dei Mossos d'Esquadra catalani

Dimensioni di testo Aa Aa

Euronews ha parlato anche con un portavoce dei Mossos d’Esquadra Albert Oliva che nega le accuse e sottolinea che gli agenti hanno un meccanismo interno di denuncia. “Crediamo che, per criticare o lodare un’azione della polizia, sia necessario avere tutti gli elementi sul tavolo, non si possono dare opinioni da posizioni molto, molto particolari. Esistono, in ogni caso, dei meccanismi interni all’organizzazione, non da ora ma fin da quando essa è entrata in funzione. Gli agenti possano essere oggetto di iniziative, ricevere opinioni o critiche, se fondate sui fatti, e queste devono essere espresse attraverso la catena di comando”, dice Albert Oliva. La polizia nazionale ha criticato duramente l’azione di quella catalana e si è rammaricata del deterioramento delle relazioni tra i due corpi.

“I Mossos d’Esquadra non sono riusciti a rispettare il loro mandato di agenti di polizia. Non esiste altro esempio in un paese occidentale in cui un organo di polizia non abbia osservato gli ordini di un giudice o abbia disobbedito all’ordine del Ministero dell’Interno. La polizia non deve lavorare al servizio di nessun partito, interesse politico o ideologia ma per la sicurezza pubblica. Questa è la nostra funzione. I Mossos d’Esquadra devono assolvere a questo ruolo, quello che la società gli impone, questa tensione si abbasserà se riprederanno a svolgeranno come si deve il loro lavoro”, dice a euronews Ramón Cosío, portavoce dell’Unione di polizia.