ULTIM'ORA

Judo, Grand Prix Zagabria: Giappone subito protagonista, bronzo per Matteo Medves

Giornata inaugurale del Grand Prix di judo a Zagabria, prima tappa del World Tour dopo il Mondiale di Budapest.

Lettura in corso:

Judo, Grand Prix Zagabria: Giappone subito protagonista, bronzo per Matteo Medves

Dimensioni di testo Aa Aa

Giornata inaugurale del Grand Prix di judo a Zagabria, prima tappa del World Tour dopo il Mondiale di Budapest. Riflettori puntati sul georgiano Amiran Papinashvili nella categoria fino a 60 chilogrammi. La mossa con cui ha battuto il russo Robert Mshvidobadze nella nella finale per l’oro è stata una delle più belle di giornata. Per Papinashivli un ritorno alla vittoria nel circuito dopo quasi due anni di digiuno.

Il russo Albert Oguzov ha conquistato uno dei due bronzi piegando l’azero Mehman Sadigov: incontro deciso da questo spettacolare seoi-nage. L’altro bronzo è andato a Bekir Ozlu. Il judoka turco ha avuto la meglio nel derby con il connazionale Ahmet Sahin Kaba.

Dopo cinque anni nel circuito è finalmente arrivato il primo oro in un Grand Prix per Eleudis Valentim. La brasiliana ha dominato la finale della categoria fino a 52 chilogrammi contro l’ungherese Reka Pupp. Prima ha messo a a segno un waza ari con uno tsuri-komi-goshi, poi ha ottenuto l’ippon immobilizzando l’avversaria al tappeto. Giulia Pierucci è stata battuta al golden score dalla francese Astride Gneto, poi settima.

Il Giappone ha portato a casa tre ori. Il primo nella categoria fino a 48 chilogrammi con Hiromi Endo. La giapponese, dopo aver battuto al golden score la campionessa olimpica Paula Pareto, ha dominato la finale contro la serba Milica Nikolic, immobilizzando l’avversaria al tappeto. Fuori negli ottavi l’azzurra Francesca Milani. Il secondo oro è arrivato nella categoria fino a 57 chilogrammi grazie a Momo Tamaoki, che ha battuto anche Giulia Caggiano nella sua cavalcata verso il titolo.

Yuuki Hashiguchi ha completato la festa giapponese trionfando nella categoria fino a 66 chilogrammi. Senza storia la finale con il portoghese Sergiu Oleinic. Bronzo per Matteo Medves, che ha regalato all’Italia l’unica medaglia di giornata. Per l’azzurro primo podio in un torneo di questo livello.