ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Italia discute su equiparazione lingua dei segni a minoranza linguistica

Ultimo Paese in Ue a riconoscere i diritti essenziali delle persone sorde

Lettura in corso:

Italia discute su equiparazione lingua dei segni a minoranza linguistica

Dimensioni di testo Aa Aa

Si avvia in Italia l’Iter per il riconoscimento della Lingua dei segni. Nell’ultimo Paese in Europa che non ha ancora una legge che riconosca pienamente i diritti essenziali delle persone sorde, in Senato inizia la discussione per equiparare la Lis ad una minoranza linguistica.

I sordi in Italia sono circa 960.000 e il disegno di legge prevede che sia consentito l’uso della Lis nei tribunali e nei rapporti dei cittadini con le pubbliche amministrazioni.

L’approvazione della normativa, oltre a introdurre l’obbligo dell’inclusione scolastica, consentirà l’accesso ai sordomuti alla formazione universitaria, post-universitaria e lavorativa.

Un progresso che toccherebbe anche il mondo dei trasporti e l’accesso alla cultura.

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità riconosce il ruolo della Lingua dei Segni come forma di comunicazione e mezzo di inclusione, L’Unione europea dei sordi ha più volte sollecitato tutti gli Stati membri ad accettare la lingua dei segni.