ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Contador, fu ingiusto togliermi vittorie

Lettura in corso:

Contador, fu ingiusto togliermi vittorie

Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – ROMA, 26 SET – “Togliermi un Giro e un Tour è stataun’ingiustizia tremenda. La gente sa che è una delle maggioriingiustizie fatte nello sport”.”: si è ritirato dall’attivitàagonistica il 10 settembre, il giorno della passerella finaledella Vuelta a Madrid, ma a Alberto Contador ancora non va giùquello che lui definisce un sopruso. Ai microfoni di Onda Cero,il 34enne ciclista parla della sua nuova vita ‘dopo i pedali’ econfessa di non avere mai digerito le sanzioni inflittegli nel2010, in seguito alla sua positività al clenbuterolo, che glivalsero la revoca (squalifica con effetti retroattivi) dellevittorie al Tour 2010 e al Giro 2011. “Di quella vicenda miresta solo la sensazione della gente che ha visto le corse, illavoro che ho fatto per vincerle. Non do importanza a quel chepuò apparire sulla carta, ma è una cosa che mi porterò dietroper tutta la vita. E’ stata un’ingiustizia tremenda”, ribadisceil campione spagnolo che in carriera ha vinto 2 Giri d’Italia, 2Tour e 3 Vuelta, oltre ai due revocati.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.