ULTIM'ORA

Catalogna: tutti scarcerati i 14 funzionari indipendentisti

Il governo invia unità di sostegno alle forze locali e nazionali per il mantenimento dell'ordine

Lettura in corso:

Catalogna: tutti scarcerati i 14 funzionari indipendentisti

Dimensioni di testo Aa Aa

Tutti liberi i 14 dirigenti dell’ammnistrazione catalana arrestati nel blitz di Barcellona di mercoledì scorso dalla Guardia Civil.
Il pressing della piazza ha fatto sicuramente la sua parte, almeno a livello mediatico.

La macchina giudiziaria comunque non si arresta; i 14 sono tutti indagati per disobbedienza, abuso di potere e presunta malversazione per l’organizzazione del referendum del 1 ottobre.

Tutti hanno rifiutato di rispondere alle domande del giudice.

Inigo Mendez de Vigo, portavoce del governo:

“Alla luce delle tumultuose proteste, il governo ha deciso di dispiegare in Catalogna unità di sostegno alle forze di sicurezza dello Stato che stanno già svolgendo il proprio compito nella regione autonoma daranno sostengno al Mossos d’Esquadra (polizia regionale catalana) che svolge anche funzioni di polizia giudiziaria e garantisce anche il miglior coordinamento tra l’amministrazione autonoma e l’amministrazione centrale nel contesto delle forze di sicurezza “.

Per il governo madrileno il referendum è illegale e non si terrà; stando sempre all’esecutivo, il premier Mariano Rajoy ha previsto “tutti gli scenari” per impedire lo
svolgimento della consultazione.
Questo malgrado le manifestazioni in sostegno al referendum, manifestazioni di solidarietà giunte anche dalle comunità indipendentiste di tutta Europa.

“Siamo qui per mostrare al governo che vogliamo votare e non permetteremo che questo diritto ci venga negato”.

A Barcellona in queste ore stanno giungendo delegazioni di osseratori, tra le altre una delegazione di attivisti sardi che racconteranno in diretta gli avvenimenti della giornata.