ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

No a islamici in squadra, bufera Beitar

Lettura in corso:

No a islamici in squadra, bufera Beitar

No a islamici in squadra, bufera Beitar
Dimensioni di testo Aa Aa

(ANSA) – TELAVIV, 14 SET – Un dirigente del Beitar Gerusalemme,squadra legata alla destra nazionalista ebraica, è statolicenziato in tronco ieri – appena 10 giorni dopo essere entratoin carica- per aver dichiarato ad un giornale: “Non prenderò insquadra un giocatore musulmano”. Il licenziamento del’consigliere particolare’ ed ex allenatore Ely Cohen è statoordinato dal proprietario della squadra Eli Tabib e secondoYediot Ahronot ha avuto “l’effetto di un terremoto”. All’originedi questo episodio c‘è il contrastato ingaggio, 5 anni fa, didue giocatori musulmani ceceni che furono contestati dallatifoseria e di fatto costretti ad andarsene. “In passato hadetto Cohen ho allenato calciatori islamici in altre squadre,ma nel Beitar Gerusalemme non ne prenderò. Sono solo realista,non razzista”. Impegnato in una campagna serrata contro lefrange oltranziste di ‘La Familia’, la tifoseria del Beitar, ilproprietario Tabib non ha esitato a licenziarlo subito.

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.