ULTIM'ORA

Un'Europa più unita, democratica ed efficiente: la visione di Juncker

Il presidente della Commissione europea ha pronunciato il suo discorso annuale sullo stato dell'Unione

Lettura in corso:

Un'Europa più unita, democratica ed efficiente: la visione di Juncker

Dimensioni di testo Aa Aa

Un lungo discorso di un’ora, in cui il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha fatto un bilancio tendenzialmente positivo dei risultati dell’Unione europea e tracciato la strada per il futuro, in particolare dopo l’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Questi i punti principali, più sotto il live blog del discorso, e per chiudere un piccolo sondaggio per voi.

Immigrazione


L’Ue non è una fortezza e non deve esserlo, deve accogliere chi cerca rifugio dalle persecuzioni. Ma chi non ha il diritto di trovarsi sul suolo europeo deve tornare nel suo paese, bisogna intensificare gli sforzi nei rimpatri. È responsabilità comune dell’Unione europea fermare lo scandalo delle condizioni dei migranti in Libia. L’Italia salva l’onore dell’Europa.

Sicurezza


È necessario che le informazioni su terroristi e foreign fighter siano condivise automaticamente. Ma i cyberattacchi possono essere ancora più pericolosi delle armi: per questa ragione sarà creata una nuova agenzia che si occuperà di cybersicurezza.

Economia


L’Europa è al quinto anno di crescita economica, sono stati creati 8 milioni di posti di lavoro. Ma non ci devono essere paesi di serie B, come accade attualmente per i paesi dell’est, in particolare per quanto riguarda il salario e i diritti dei lavoratori. L’Unione europea ha “le porte aperte al commercio ma ci deve essere reciprocità”. Tutti i paesi membri dovrebbero avere la moneta unica, la Commissione è pronta ad accompagnare gli Stati che non l’hanno ancora potuta adottare. L’Ue dovrebbe avere un unico ministro delle Finanze, che dovrebbe corrispondere all’attuale commissario, ma che sia anche presidente dell’Eurogruppo.

Dopo Brexit


Fra i cinque scenari del dopo Brexit proposto nel libro bianco presentato a marzo, Juncker sceglie un “sesto scenario” che li integra tutti e cinque. Obiettivo: più unità, più democrazia e più efficienza. Proposta di unificazione della presidenza della Commissione e del Consiglio. Alle prossime elezioni ci vorranno liste elettorali transnazionali, per evitare che la campagna si riduca alla promozione di temi nazionali.

Turchia


Il mancato rispetto dello Stato di diritto esclude l’adesione della Turchia all’Ue nel prossimo futuro. Ankara si allontana a passi da gigante da molto tempo. Deve rispettare la libertà d’espressione e rilasciare i giornalisti incarcerati.