ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il ritorno del "Formidabile" Michel Hazanavicius


cinema

Il ritorno del "Formidabile" Michel Hazanavicius

E’ presidente della giuria del prestigioso Festival del cinema americano di Deauville. Parliamo del premio Oscar Michel Hazanavicius. Il regista francese, conosciuto in tutto il mondo, con il suo film in bianco e nero The Artist, nel 2012 si è aggiudicato cinque Academy Awards.

Euronews lo ha incontrato per parlare della sua nuova pellicola, “Le Redoutable”, (Il Formidabile), una commedia irriverente e incentrata sul regista Jean-Luc Godard.

Michel Hazanavicius, regista: “Molte persone mi hanno detto che ho voluto attaccare e criticare Godard. No, il film non è un attacco al regista, ma posso capire perché lo abbiamo detto. Ho lavorato a questa sceneggiatura con molto entusiasmo. Nel momento in cui sei felice di fare qualcosa, capita anche di essere audace, non sono un ammiratore di Godard, non mi piace, non sono un erede del suo cinema, i miei film sono completamente diversi, ma è un personaggio sul quale ho lavorato per due anni, e ho fatto questo film, Ho lavorato con Garrel che interpreta Godard, ho modificato alcuni aspetti e non provo molta tenerezza per quel personaggio.”

“Mi piace molto fare commedie, lo faccio con una estrema cura, credo che sia un genere cinematografico molto nobile e ci lavoro con impegno. E’ vero che il soggetto, Jean-Luc Godard, il maggio del ’68, le turbolenze politiche, l’arte e molto altro, possono sembrare temi pesanti, se lo fai in modo troppo serio; ecco che la commedia ti permette di fare un passo indietro e dare alle cose una prospettiva diversa, molto più piacevole da guardare.”

Questo film segna il ritorno del regista alla commedia dopo The Search, un dramma sulla guerra in Cecenia, che non è riuscito a sedurre critica e pubblico.

“Quando giri un film, lo vuoi fare nel miglior modo possibile, se sarà un successo oppure no, non dipende da te. Non credo che “The Search” fosse così male come alcuni i critici hanno voluto sottolineare, ma il fatto è che è stato un flop, e che è stato difficile da capire, mi ha costretto a ritirarmi per un po’, ma non mi ha abbattuto nel senso che era un momento importante nella mia vita, quello che conta veramente per me è fare un film.”

euronews: “Ci sarà un seguito della saga dei film di spionaggio OSS 117 che furono un successo?”

Michel Hazanavicius: “Non siamo noi a decidere quello che vuole il mercato, quindi potremmo anche scrivere una terza sceneggiatura. Per girare i miei film io ho bisogno di un elemento di mistero, un film specifico ha bisogno di una scintilla, devo provare qualcosa di più forte rispetto ad altre trame, è il mio modo di essere: onesto con quello che faccio. Naturalmente so che se facessi oggi un terzo film sull’ OSS, sarebbe probabilmente un grande successo, ma cosa posso dire? Per ora ho altri progetti.

Prima di iniziare il suo nuovo progetto, Michel Hazanavicius dovrà promuovere il suo ultimo film “Le Redoutable” in giro per mezzo mondo.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Torna il clown assassino di "It"

cinema

Torna il clown assassino di "It"