ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

USA: di nuovo in piazza contro Trump

A protestare sono i giovani immigrati illegali protetti dal programma DACA

Lettura in corso:

USA: di nuovo in piazza contro Trump

Dimensioni di testo Aa Aa

Manifestazioni a Los Angeles e ad Atlanta contro la probabile decisione di Trump di sospendere il programma DACA, Deferred Action for Childhood Arrivals, che impedisce la deportazione dei migranti che da bambini arrivarono illegalmente negli Stati Uniti. Il loro destino a quel punto sarebbe nelle mani del Congresso che avrebbe soltanto sei mesi per trovare una soluzione. Il Programma DACA, voluto dal presidente Obama nel 2012, protegge giovani uomini e donne, chiamati ‘Dreamers’, i “Sognatori”, dalla deportazione permettendo loro di lavorare legalmente.

“Siamo più di 800.000 individui – spiega un govane – portati in questo Paese senza il nostro consenso o la nostra volontà. Praticamente abbamo seguito i nostri gentori che volevano darci un futuro migliore in questo Paese, qualcosa che non avrebbero potuto permettersi in Messico”.

DACA – aggiunge una ragazza – significa molto per me perché al momento mi aiuta a continuare ad andare a scuole per diventare qualcuno in futuro. Ci dà il permesso per lavorare, per andare a scuola, perché costa caro e abbiamo bisogno di quel sostegno. Per noi è importante sentire il sostegno del mio presidente e del mio Paese”.


Queste persone rapresentano una minima parte degli 11 milioni di immigrati illegali che, secondo le stime, risiedono negli Stati Uniti. Nove procuratori generali repubblicani hanno fatto sapere che citeranno Trump in giudizio se non agirà per bloccare il programma DACA. Diversi procuratori generali democratici minacciano di fare lo stesso se il capo della Casa Bianca lo cancellerà.