ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il grido inequivocabile di Maduro: Trump go home!

Lettura in corso:

Il grido inequivocabile di Maduro: Trump go home!

Dimensioni di testo Aa Aa

La marcia anticapitalista di Nicolas Maduro ha riunito a Caracas migliaia di sostenitori del chavismo uniti nella risposta alla minaccia degli Stati Uniti di un intervento militare nel Paese sudamericano. Con perfetto tempismo poi, Maduro ha ordinato l’avvio di esercitazioni militari in tutto il Paese per il 26 e 27 agosto.

“Gridiamolo assieme e che si senta fino a Washington, il popolo del Venezuela dice: Trump, go home!” ha scandito Maduro all’unisono con la folla dei suoi sostenitori.

Maduro ha inoltre chiesto che la Costituente mandi a processo tutti coloro che appoggiano l’idea di un’intervento statunitense in Venezuela.

Intanto dalla Colombia, dove ha incontrato espatriati ed oppositori venezuelani, il Vicepresidente statunitense Mike Pence ha ribadito la posizione della Casa Bianca:

“Il Presidente Trump lo ha detto molto chiaramente, non staremo a guardare mentre il Venezuela crolla verso la dittatura. Non staremo a ghuardare mentre il Venezuela va in rovina. Ma è importante tener presente che uno Stato fallito in Venezuela è una minaccia per la sicurezza e il benessere dell’intero emisfero e per i cittadini degli Stati Uniti d’America” ha detto il Vicepresidente Usa.

Quella di Mike Pence, che ha incontrato il Presidente colombiano Juan Manuel Santos, è stata la prima visita in un Paese d’America Latina.