ULTIM'ORA

Siria: dall'inferno di Raqqa

Le testimonianze dei siriani che riescono a fuggire da Raqqa

Lettura in corso:

Siria: dall'inferno di Raqqa

Dimensioni di testo Aa Aa

Il caldo, la mancanza di tutto, la disperazione rendono un inferno la sopravvivenza dei siriani in fuga dalla città di Raqqa. Nei mesi scorsi le forze curdo-siriane hanno ingaggiato in battaglia le milizie fedeli al Califfo nel ventre della città a nord-est della Siria, quell’urbano che era stato proclamato capitale dello Stato Islamico

Adesso chi puo’ cerca riparo nel campo profughi di Ain Issa impiantato a settentrione di Raqqa dal settembre del 2016. Qui si concentrano più di 8000 siriani. Fra loro ci sono tanti testimoni del dramma e raccontano di come i militanti dello stato islamico continuino a cercaredi reclutare i ragazzi e gli uomini fra i 15 e i 40 anni per farli diventare dei loro soldati.

SAKER AL JASEM è uno dei depositari di questa storia ed è rifugiato siriano sfuggito dalla zona di DEIR AL ZOR, l’area in cui i militanti di Isis avevano compiuto una strage nel 2016 uccidendo almeno 300 civili, in maggioranza donne, bambini e anziani. 150 di essi erano stati decapitati ed altri 400 rapiti.

Oggi il sostegno ufficiale alle milizie siriane e curde anti Isis viene prevalentemente dagli Stati Uniti ma sono tanti anche i combattenti occidentali che si uniscono alle formazioni della Protezione Popolare curde (YPG). Si tratta di sqaudre che i miliziani del califfato e che nelle settimane scoprse sono riusciti a collegare porzioni occidentali e orientali di Raqqa.

Le unità curde di Protezione Popolare erano sorte nel 2012, quando l’esercito siriano si è ritirato da alcune zone del paese e hanno cercato di mantenere il controllo del territorio, scontrandosi poi con le forze governative.

Maggiori informazioni:

http://about.reuters.com/fulllegal.asp
http://www.repubblica.it/solidarieta/emergenza/2017/07/31/news/siria_dove_si_da_assistenza_sanitaria_ai_feriti_nella_guerra_a_raqqa-172045282/