ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Venezuela, un Paese ridotto alla fame


Venezuela

Venezuela, un Paese ridotto alla fame

Un governo impegnato a liberarsi del Parlamento. Un’Assemblea Costituente emanazione diretta del Presidente Nicolas Maduro secondo cui la crisi economica è scatenata da nemici esterni. Ma per le strade di Caracas la miseria in cui sprofonda il Paese è visibile a ogni angolo di strada. Il corrispondente di euronews ha incontrato i residenti della capitale venezuelana, impegnati in una lotta quotidiana contro la fame.

“Non ci sono medicine, non c‘è da mangiare, niente, moriamo di stenti” dice Yaritza Chirimos.

“Voglio dire al Presidente Maduro che la smetta di mentire: che venga a casa nostra, gli faremo vedere cosa c‘è dentro al frigo” afferma non senza ironia Berta Martínez.

Eduardo Salazar Uribe, corrispondente di euronews a Caracas: “I cittadini fanno lunghe code ogni giorno per procurarsi prodotti come pasta, riso, farina. La Presidente della Costituente Delcy Rodriguez ha detto che l’Assemblea si occuperà della crisi economica che, a suo giudizio, è frutto d’una guerra commerciale che viene dall’estero”.

A confermare che la drammaticità della situazione non è soltanto frutto di un’osservazione superficiale ci sono i dati forniti dagli economisti. “Circa il 40% della popolazione è passata da 3 pasti al giorno a uno o due” spiega Alejandro Grisanti. “Tanti venezuelani sono costretti a cercare cibo nell’immondizia. Un fenomeno che ormai si vede non soltanto attorno a ristoranti e mense, ma nei quartieri della classe media” spiega ai nostri microfoni.

Yetzaida Morillo, simpatizzante del governo di Nicolas Maduro, resta convinta che soltanto il chavismo possa dare risposta ai bisogni del popolo: “Ai ricchi non piacciono i poveri e non si batteranno mai per i nostri bisogni, per le nostre esigenze” dice. Sott’inteso: questo è il governo di cui abbiamo bisogno.

Negli ultimi 7 mesi Maduro ha autorizzato 3 aumenti del salario minimo per tentare d’incrementare il potere d’acquisto. L’incremento complessivo è stato del 260% circa. Tuttavia secondo le stime lo stipendio del cittadino medio in Venezuela arriva appena all’equivalente di 60 dollari al mese.

Eduardo Salazar Uribe, corrispondente di euronews a Caracas: “Gli specialisti in questioni economiche sostengono che il governo affronterà una battaglia impari visto che le previsioni sull’inflazione per quest’anno sono al 1.100%”.