ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Frontiera Stati Uniti-Canada: la fuga dal sogno americano

Ogni giorno decine di persone, immigrate anni fa negli Stati Uniti, provano a passare il confine con il Canada

Lettura in corso:

Frontiera Stati Uniti-Canada: la fuga dal sogno americano

Dimensioni di testo Aa Aa

Arrivano da ogni angolo degli Stati Uniti. Tutti i giorni, 24 ore al giorno. Qui a Champlain, nello stato di New York, al confine con il Canada. Immigrarono in America da Siria, Congo, Haiti, ma ora cercano di passare la frontiera, consci del fatto che potrebbero essere arrestati. Ma il gioco per loro vale la candela.

“Sarei voluto restare negli Stati Uniti, perché ho vissuto lì per tutta la mia vita…”, spiega Erkin Jean, cittadino americano, figlio di una haitiana. “Sono nata nella stessa casa dove ho vissuto, non ho mai traslocato ed ora eccoci qui”, risponde sua sorella Wicky.

Hanno origini diverse, ma qualcosa in comune: l’ansia nata dalle ultime presidenziali, con l’elezione di Donald Trump. Come spiega la piccola Lena Gunja, immigrata congolese, che sta passando il confine con la madre: “Trump vorrebbe rimandarci al nostro Paese e non vogliamo che questo succeda. Vogliamo vivere bene e mia madre vuole che io abbia una bella vita”.