ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il museo di Zeffirelli è realtà


mondo

Il museo di Zeffirelli è realtà

Il sogno di Franco Zeffirelli è realtà. Nel centro storico di Firenze, città in cui è nato il 12 febbraio del 1923, inaugura il Centro internazionale per le arti dello spettacolo che porta il suo nome e che raccoglie 70 anni della sua carriera, tra cinema, musica e teatro.

“Questo centro è stato costituito in risposta a un antichissimo desiderio di Franco Zeffirelli, sono almeno trent’anni che ponendosi il problema di tutto il suo lavoro, di tutto il materiale relativo al suo lavoro, accumulato durante la vita, e volendo dare a questo materiale, una collocazione che potesse essere utile anche ad altre persone, lui sognava di fare una fondazione”, racconta Caterina D’amico, responsabile dell’attività didattica.

Non solo un museo che custodisce il patrimonio artistico e documentale del regista, ma anche un’accademia per formare i giovani alle arti dello spettaccolo che conterrà anche una scuola teatrale multidisciplinare. Un testimone di conoscenze e strumenti che passa alle nuove generazioni.

“È un centro imporante perché non sarà soltanto uno spazio di conservazione, e quindi un museo con l’archivio e la biblioteca, ma anche di diffusione della cultura”, aggiunge Francesco Ermini Polacci, condirettore del Centro internazionale Zeffirelli.

Il Centro internazionale è ospitato nelle stanze dell’ex Tribunale di piazza San Firenze, vivino a Palazzo Vecchio. Lo straordinario patrimonio di vita e di arte di Zeffirelli è ora a disposizione di tutti. Un modo, come lui ha detto, anche per “di saldare un debito di riconoscenza” con Firenze, che è “una macchina di civiltà, di cultura, di tradizione e di conoscenza che Dio ha regalato al mondo”.

il 31 luglio è il giorno dell’inaugurazione ufficiale con la partecipazione di personaggi celebri, come Andrea Bocelli e il compositore Nicola Piovani.