ULTIM'ORA

Il taekwondo per dimenticare la guerra in Siria e continuare a sognare

Due bambine rifugiate siriane prendono lezioni in un campo profughi giordano. Il loro sogno? Laurearsi campionesse del mondo

Lettura in corso:

Il taekwondo per dimenticare la guerra in Siria e continuare a sognare

Dimensioni di testo Aa Aa

Nel campo rifugiati di Azraq, in Giordania, decine di bambine siriane prendono lezioni di taekwondo, iniziativa della federazione internazionale e dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. Tra loro ci sono le sorelline Rayan e Zeinab, scappate dalla guerra un anno fa. La loro vita, grazie all’arte marziale coreana, è cambiata radicalmente.

“Vorrei diventare campionessa del mondo. Vorrei che la gente, vedendomi, si chiedesse ‘ma come fa una bambina a difendersi cosi’ bene?’‘, dichiara Rayan davanti alle telecamere.

Hanno gli obiettivi chiari queste bambine, come spiega anche il loro allenatore: “Amano il taekwondo e hanno grandi ambizioni: diventare campionesse. Hanno anche iniziato a seguire le gesta dei professionisti’‘.

Per le due sorelline, questa accademia di taekwondo è diventata la loro seconda casa. Nella speranza che non lo sia ancora per molto, ma che possano presto calcare le pedane di tutto il mondo.