ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Qatar consegna le risposte alle richieste dei Paesi arabi


Redazione di Bruxelles

Qatar consegna le risposte alle richieste dei Paesi arabi

Il ministro degli Affari esteri del Qatar ha consegnato all’emiro del Kuwait la sua risposta alle 13 richieste avanzate da Arabia Saudita, Bahrein, Emirati arabi uniti ed Egitto. Si tratta della replica alle condizioni poste per la ripresa delle relazioni diplomatiche con Doha sospese dal 5 giugno, con l’accusa di finanziare il terrorismo. Non è stata quindi presa in considerazione da Doha la proroga di 48 ore concessa per replicare dopo la scandenza dell’ultimatum. il Kuwait sta tentando una difficile mediazione tra le parti.

“Si tratta di una straordinaria lista di richieste – spiega Chris Doyle, direttore del Council for Arab-British understanding – che trasformerebbe essenzialmente il Qatar in uno Stato vassallo dell’Arabia Saudita, facendogli cedere la sua politica estera, chiudere i suoi media, non solo Al Jazeera, ma anche altre emttimenti e sono cose che non farà. Come non chiuderà la base militare turca sul territorio del Qatar, altri stati nella regione hanno basi del genere”.

Ankara ha subito detto che non ha alcuna intenzione di chiudere la propria base militare in Qatar. Tra le altre richieste avanzate ci sono la fine dei rapporti con l’Iran e, appunto, la chiusura entro dieci giorni dell’emittente televisiva panaraba Al-Jazeera, fondata dal padre dell’attuale sovrano e considerata, soprattutto dall’Egitto, portavoce dei Fratelli musulmani. I giornalisti rispondono con un appello alla libertà con l’hashtag #DemandPressFreedom.