ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

The Brief: l'appuntamento quotidiano con l'attualità europea da Bruxelles

Si avvicina il prossimo vertice europeo: cosa c'è nel menù di Bruxelles

Lettura in corso:

The Brief: l'appuntamento quotidiano con l'attualità europea da Bruxelles

Dimensioni di testo Aa Aa

La questione migratoria è ancora una volta all’ordine del giorno del vertice europeo. I capi di Stato e di governo dell’Unione europea si riuniranno a Bruxelles giovedì per un vertice in cui si discuterà della politica di asilo e della crisi dei rifugiati. I 28 si soffermeranno sulla situazione nel Mediterraneo, attraverso il quale molti migranti intraprendono un viaggio pericoloso.
Ma prima di questo evento, proprio oggi il Parlamento europeo ospiterà una conferenza sulla crisi dei migranti. L’argomento divide gli Stati Membri. Alcuni hanno avviato procedimenti legali contro il sistema europeo di reinsediamento dei rifugiati, mentre la Commissione europea, da parte sua, ha deciso di avviare procedure di infrazione nei confronti dei Paesi che si rifiutano di applicare le norme europee in questo settore.
Secondo il responsabile europeo dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, Eugenio Ambrosi, l’immigrazione è comunque un fenomeno positivo per il continente, come ha spiegato alla nostra corrispondente Isabel Marques da Silva.

L’altro punto all’ordine del giorno del vertice europeo sarà, ovviamente, la Brexit. In seguito all’inizio dei colloqui, I 27 ministri degli affari europei, riuniti ieri in Lussemburgo, hanno potuto confrontarsi con il negoziatore dell’Unione europea. Michel Barnier ha sottolineato la difficoltà del compito e la necessità di una Brexit ordinata. In altre parole. bisogna prima concordare l’uscita a poi discutere del futuro partenariato.

In questo contesto incertezza politica nel Regno Unito, la regina Elisabetta II pronuncerà davanti al parlamento britannico il suo discorso sullo stato della politica. Questo intervento è molto atteso, perché in realtà descriverà il programma di governo, un governo guidato da un primo ministro indebolito dopo la delusione delle elezioni legislative dell’8 giugno.