ULTIM'ORA

Lettura in corso:

World Judo Tour: Aguiar, ritorno d'oro a Cancun


Sport

World Judo Tour: Aguiar, ritorno d'oro a Cancun

Terzo e ultimo giorno al Grand Prix di Cancun, valido per il World Tour di Judo. Grande protagonista è stata Mayra Aguiar, che al ritorno sul tatami dopo quasi un anno di assenza per infortunio, ha conquistato la medaglia d’oro nella categoria fino ai 78 kg. La 25enne brasiliana, che non combatteva dagli ultimi giochi di Rio, ha battuto la cubana Antomarchi in semifinale, arrivando in finale contro la britannica Natalie Powell.

Aguiar, campionessa del mondo nel 2014 e due volte bronzo olimpico, si è imposta grazie a un ippon con un altro sgambetto: ai prossimi Mondiali di Budapest bisognerà fare i conti anche con lei. “Sono molto felice, è stato un buon ritorno – ha detto -. Sono stata tanto tempo senza combattere, questo mi ha dato tanta energia che ho sfruttato qui. Sono quasi al 100 percento dopo l’infortunio. Tornare con un oro al collo è davvero fantastico”.

Il man of the day di giornata è Peter Paltchik. L’israeliano ha conquistato il suo primo oro nel World Tour imponendosi nella categoria fino ai 100 kg. Nelle eliminatorie, Paltchik ha avuto la meglio del britannico Philip Awiti, prima di incontrare in semifinale uno dei favoriti alla vigilia, l’ex campione del mondo Luciano Correa. Il brasiliano ha dovuto cedere sotto i colpi dell’avversario, che ha portato a casa l’oro grazie a un ippon per Sode Tsuri Komi Goshi. In finale, Paltchik ha avuto la meglio su un altro britannico, Benjamin Fletcher, battuto con un Waza ari verso la fine del combattimento con un seoi nage. La grande gioia di Paltchik, che finora non aveva mai vinto una competizione a livello internazionale, salendo sul podio in tre occasioni in eventi europei: “Abbiamo molto lavoro da fare in futuro – ha detto -. Continueremo ad allenarci duramente sia a livello tecnico che tattico per migliorare il mio livello. Sono molto felice di essere competitivo nel World Tour”.

Nella categoria uomini fino ai 90 kg, trionfo per Nikoloz Sherazadishvili. Lo spagnolo, di origini georgiane, ha trionfato in finale contro l’azero Tural Safguliyev grazie a un waza ari che gli ha regalato l’ippon decisivo. Per l’iberico, campione del mondo juniores nel 2015, si tratta del primo oro conquistato in un Grand Prix.

Nella categoria over 78 kg femminile, oro per Ivana Sutalo. La croata, che in questa stagione era salita sul podio a Casablanca nell’African Open, ha battuto in finale l’idolo di casa, la messicana Melanie Bolanos per ippon. Il World Tour si sposta in Cina tra due settimane per l’ultimo appuntamento prima dei Mondiali, in programma a Budapest a fine agosto.

Sport

Calcio verso l'addio ai 90 minuti? Allo studio due tempi da 30' effettivi