ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Totti: capitano, mio capitano


Sport

Totti: capitano, mio capitano

Ciao capitano. Lo celebra l’Italia, con i giornali sportivi e con quelli generalisti, che in prima pagina gli dedicano, almeno, una foto. Il giorno dopo lo struggente addio alla Roma di Francesco Totti, la stampa liquida in poche righe la vittoria contro il Genoa che vale la Champions e celebra, invece, la giornata d’amore tra il capitano e la sua gente. Succede a Roma, succede nel resto del paese. Un immenso campione lascia l’Olimpico, ma forse non appende ancora gli scarpini al chiodo.

L’artista del pallone che aveva anche ricevuto una laurea ad honorem dalla Ca’ Foscari è apparso emozionato in una manifestazione d’affetto incredibile con una lettera letta nello stadio che lo ha visto giocare per 28 anni. Ha detto ai tifosi, “Adesso ho paura. E non è la stessa che si prova quando devi segnare un calcio di rigore. Questa volta sono io che ho bisogno di voi e del vostro calore” ed a queste parole è venuto giù lo stadio.

Anche se forse non è il momento di dire addio al calcio. Potrebbe attenderlo una stagione negli emirati o magari in Cina con un salario da favola o forse un ruolo dirigenziale nella Roma. Perché l’amore per il pallone è difficile da tradire.

Sport

NBA: Cavs in finale con i Warriors, James supera Jordan