ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Manchester: nuovi arresti nell'inchiesta sull'attentato kamikaze

Lettura in corso:

Manchester: nuovi arresti nell'inchiesta sull'attentato kamikaze

Dimensioni di testo Aa Aa

Salman Abedi era la punta dell’iceberg. Continua nel Regno Unito l’ondata d’arresti nel quadro dell’inchiesta sull’attentato alla Manchester Arena che ha fatto 22 morti e decine di feriti. Ad oggi 13 sospetti sono in stato di arresto.

Gli inquirenti scavano nella vita e nell’entourage di Salman Abedi, il ventenne che si è fatto saltare in aria lunedì scorso alla fine di un concerto pop tra un pubblico composto in gran parte da giovanissimi. Abedi era cittadino britannico, i genitori erano libici. Il padre e uno dei fratelli erano già stati arrestati in Libia, dove si erano tornati a trasferire da alcuni anni. Nel Regno Unito un nuovo arresto è avvenuto nella zona di Old Trafford, a Manchester, con un 25enne finito in manette oltre ad una nuova perquisizione in un appartamento di Moss Side. Manchester tenta di ritrovare la normalità: un primo passo è stata la semimaratona di domenica. Ma i sopravvissuti restano fermi al momento dell’esplosione:

“C‘è stato un enorme boom” racconta una sopravvissuta “un rumore orrendo che mi ha rintronato le orecchie, poi è scattata un’allarme e c’era fumo dappertutto. Quando c‘è stata l’esplosione ho visto come un lampo, un grande flash di luce bianca e poi frammenti che volavano via in tutte le direzioni” ha raccontato.

Mentre la città di Manchester celebra la memoria delle vittime dell’attentato kamikaze, i servizi interni britannici dell’MI5 hanno aperto due inchieste per comprendere come le ripetute segnalazioni sulla potenziale pericolosità di Abedi siano state ignorate dalle autorità.