ULTIM'ORA

Lettura in corso:

G7, non c'è accordo su migranti e clima


Italia

G7, non c'è accordo su migranti e clima

È servito a poco portare i grandi della terra a Taormina, cuore del Mediterraneo a pochi chilometri da dove affondano i barconi carichi di esseri umani. L’Italia cercava una sponda: che saltasse agli occhi del mondo l’enormità del fenomeno migratorio e arrivase una mano, ma ha prevalso il sovranismo di Trump: ‘pur sostenendo i diritti umani dei migranti e rifugiati, riaffermiamo i diritti degli Stati a controllare i loro confini’, reciterà più o meno il documento finale.
L’ago della bilancia alla fine del primo giorno del G7, pende dalla parte degli Stati Uniti: “Tutti i partecipanti hanno sollecitato il presidente americano con diversi argomenti affinché gli Stati Uniti continuino ad aderire alla convenzione sul cambiamento climatico. Non parlo del confronto; vorrei dire che c‘è stato uno scambio molto controverso ma produttivo” – ha detto la cancelliera Angela Merkel.
I sei, dunque, non hanno convinto Trump ad appoggiare l’accordo sul clima di Parigi da parte degli Stati uniti “prendiamo atto che è in corso una riflessione” – ha detto il presidente del consiglio Paolo Gentiloni. Stracci anche sul commercio con gelo tra Trump, che non arretra sul protezionismo, e Merkel. Alla fine del primo giorno, al G7 si trova l’accordo solo sulla lotta al terrorismo.


Belgio

Juncker attenua le parole di Trump sui 'tedeschi cattivi'