ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Grecia, votate misure per austerity


Grecia

Grecia, votate misure per austerity

Il Parlamento greco, riunito in seduta notturna, ha dato il via libera alle nuove misure d’austerity che dovrebbero consentire il “salvataggio” del Paese. Queste prevedono l’ennesimo (il tredicesimo in Grecia) taglio alle pensioni e l’abbassamento della soglia di reddito esentasse.

Poco prima di queste decisioni, ad Atene in molti sono scesi in piazza contro le nuove misure per quello che è il terzo giorno di proteste e di sciopero generale. Un gruppo di manifestanti ha tentato anche di entrare nel giardino del Parlamento e sono nati degli scontri pesanti con la Polizia con lanci rispettivamente di molotov e lacrimogeni. Tre almeno le persone arrestate. Le misure che dovrebbero, entro due anni, mettere in sicurezza la Grecia, secondo i calcoli, porteranno al recupero di 4,5 miliardi tra risparmi e nuove entrate e verranno vagliate nella riunione di lunedi dall’Eurogruppo riunito a Bruxelles.

DIMITRIS PETROPOULOS, AVVOCATO
“Quando un avvocato guadagna 100.000 euro, il suo reddito netto, dopo i contributi pensionistici, è di soli 20.000 euro. Quindi, da questi, lui deve di nuovo investire nel suo lavoro per ottenerne 100.000 ed ora in Grecia non esiste un avvocato che guadagni 100.000 euro l’anno. Si puó capire, quindi, quale sia la realtà per le persone povere”.

SISSI BOUKOUVALA, IMPRENDITRICE
“Il mio reddito ha subíto una riduzione dell’80%, non posso pagare nulla, i miei debiti sono in aumento, non abbiamo più reddito ed aumentano le tasse. Non so cosa succederà da ora in poi. Io non credo piú a nessuno, né a Syriza e neppure al partito di opposizione Nuova Democrazia”.

MICHALIS ARAMPATZOGLOU, CORRISPONDENTE EURONEWS
“Il governo greco pensa che queste misure porteranno alla fine della crisi economica e che il paese tornerà alla crescita. Tuttavia i manifestanti vedono questi nuovi tagli come una estensione a lungo termine dell’austerità greca”.

Brasile

Brasile, Temer: "Non mi dimetto"