ULTIM'ORA

Usa, Donald Trump si giustifica dopo lo scoop del Washington Post

Il commento del corrispondente di Euronews da Washington.

Lettura in corso:

Usa, Donald Trump si giustifica dopo lo scoop del Washington Post

Dimensioni di testo Aa Aa

Si giustifica Donald Trump dopo l’incontro con il ministro degli Esteri russo Lavrov, durante il quale, riferisce il Washington Post, il presidente statunitense avrebbe rivelato alcuni segreti protetti dall’intelligence, su un presunto piano dello Stato Islamico. Trump liquida la questione con un tweet: “Come presidente volevo condividere con la Russia, cosa che ho assolutamente il diritto di fare, alcuni fatti relativi al terrorismo e alla sicurezza dei voli aerei”.

Il Corrispondente di Euronews da Washington commenta così l’accaduto:

Fermatevi un attimo e pensate a cosa sarebbe accaduto se Hillary Clinton, il Presidente Hillary Clinton avesse fatto una cosa simile. I repubblicani l’avrebbero crocifissa, ma anche solo per il fatto di aver parlato ai russi di questi argomenti sensibili nello Studio Ovale. E’ incredibile. Barack Obama è stato criticato per essersi tolto la giacca nella stessa sede. Ho parlato con il responsabile della campagna di John McCain che ha detto che questa amministrazione sta ricorrendo all’inganno e alle bugie, non si è mai vista una cosa simile

La grande maggioranza dell’elettorato repubblicano è ancora dietro di lui, nella misura dell’82% e delll’84%. Se ti sposti fuori da Washington incontri molte persone, al 100% a suo favore. I repubblicani nel Congresso sono un po’ spaventati da questo. Da un lato vedono il caos a Washington, ma dall’altro non possono più di tanto prendere le distanze dal presidente, almeno quest’anno. Il prossimo, con le elezioni in arrivo per il rinnovo del Congresso, le cose potrebbero cambiare. Ma fino a che Trump ha il supporto della base del suo elettorato tra distretti e sostenitori negli Stati Uniti rurali, degli operai, allora i repubblicani del restano con lui. Se il consenso dovesse scendere, il presidente resterebbe isolato nel suo partito