ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Le imprese superstar del Senegal


focus

Le imprese superstar del Senegal

In questo nuovo episodio di Focus vi portiamo in Senegal. Il paese ha fatto del successo la sua priorità. Per questo scommette soprattutto sui suoi imprenditori.

Va detto che certe PMI senegalesi sono veri gioielli. E’ il caso della azienda Sedima. Negli anni è diventata leader nell’agroalimentare. Una storia di successo nata dal nulla.

ANTA BABACAR NGOM BATHILY GENERAL MANAGER, SEDIMA: « E’ partita nel 1976 quando la sua fondatrice Babacar Ngom con un investimento di 100 euro ha acquistato 120 pulcini; tutto è iniziato da lì … Tutta la storia della Sedima fino ad oggi, fino ai 50 milioni di euro di cifra d’affari, tutto iniziato da 100 euro”.

L’azienda oggi impiega direttamente 430 persone ma opera con oltre 10.000 produttori di uova e polli in tutto il paese. Negli ultimi anni ha investito diversi milioni di euro in nuovi impianti ad alta tecnologia. Ha anche optato per la diversificazione, per esempio con la produzione di farina e anche nell’industria edilizia.

ANTA BABACAR NGOM BATHILY, Direttore Genarle SEDIMA: « Dal 2016, siamo in Mali a Bamako, in Guinea equatoriale, in Congo… e l’ambizione è di diventare una delle maggiori società agroalimentari d’Africa. »

Altra ‘campionessa’ senegalese è una start-up lanciata nel 2008 da due giovani imprenditori diventata una enorme piattaforma digitale per servizi finanziari in 60 paesi. Fornisce – fra l’altro – trasferimenti di denaro. Il villaggio più piccolo ha un punto di servizio come questo. Tratta oltre un milione di transazioni al giorno.

AICHA KOUYATE, Segretario Generale della WARI:
“Oggi la Wari è riuscita a creare qualcosa d’avanguardia ed è riuscita a posizionarsi in un ambito in cui non c’erano che multinazionali estere”.

Con 300 posti di lavoro interni ed oltre 45.000 posti di lavoro nell’indotto la società ha inoltre iniziato a diversificare con l’introduzione di nuovi servizi e la recente acquisizione del secondo operatore di telefonia del Senegal.

SERGE ROMBI, euronews: « Negli ultimi anni, il Senegal mostra un tasso di crescita tra il 6 e il 7% e continua a puntare a una crescita a due cifre. Ma al di là di semplici numeri, i senegalesi spesso dicono che vogliono identificarsi in questa crescita. In altre parole vogliono uno sviluppo di qualità, una crescita inclusiva che sia davvero palpabile nel loro quotidiano.»

Una crescita di cui tutti possano beneficiare. Pierre Ndiaye è colui che affina la strategia economica senegalese. Secondo lui non c‘è crescita senza uno zoccolo duro di PMI.

PIERRE NDIAYE, Direttore Generale, ECONOMIC PLANNING AND POLICY: «Vogliamo una crescita ordinata, una crescita inclusiva che non lascia da parte alcun senegalese. E per non lasciare da parte di senegalesi bisogna tener conto dei singoli imprenditori, le piccole e le medie imprese ».

Visto che l’accesso al finanziamento è fondamentale per gli imprenditori una banca e diversi fondi specifici sono loro dedicati. L’obiettivo è anche di favorire l’accesso agli appalti pubblici e di promuovere l’innovazione. I costi di creazione di una impresa sono stati ridotti del 50% e tutte le formalità si svolgono on line.

MOUNTAGA SY – Direttore Generale, INVEST IN SENEGAL : “Queste piattaforme elettroniche funzionali si consolideranno con l’entrata in vigore dei pagamenti telematici che daranno al Senegal una amministrazione moderna con zero format cartacei per una buona trasparenza e una sicurezza efficace”

Ci si sforza anche di velocizzare gli allacci all’acqua e all’elettricità.

MOUNTAGA SY: “Per l’acqua siamo passati da 75 a 20 giorni per l’energia elettrica siamo passati da 80 a 48 giorni, con un ulteriore riduzione del 10% della tariffa elettrica”.

ANTA BABACAR NGOM BATHILY:  «Osiamo fare investimenti in paesini remoti. Per esempio siamo andati fino a Notto https://fr.wikipedia.org/wiki/Notto_Gouye_Diama, in una zona dove qualche anno fa non c’era nè aqua, nè elettricità ed oggi grazie a tutte queste infrastrutture potremo impostare nuove incubatrici con capacità da 40 milioni di pulcini l’anno. »

Queste situazioni positive hanno generato delle vere dinamiche ben tangibili in Senegal. Per il diretore genrale della piattaforma tutto cio’ è una questione di fiducia in sè stessi.

E la prova è che le cose funzionano tanto che gli investitori di tutto il mondo si interessano molto ai record delle aziende del Senegal.

Le immagini aeree del reportage col drone sono state fornite da Buzzlab Motion Pictures.

focus

Puntare sulla cultura per combattere gli estremismi