ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Il governatore cristiano di Giacarta in carcere per blasfemia

Nel più grande Paese musulmano del mondo, l'Indonesia, c'è chi parla di escamotage per impedire al governatore di ricandidarsi

Lettura in corso:

Il governatore cristiano di Giacarta in carcere per blasfemia

Dimensioni di testo Aa Aa

Il governatore di Giacarta, Basuki Tjahaja Purnama , meglio noto come Ahok, ha iniziato, questo martedì, a scontare in carcere una condanna per blasfemia. La pena di due anni di detenzione è stata inflitta da un tribunale indonesiano nell’ambito di un processo in cui il governatore era accusato di contestare il Corano . Per i giudici la prova è stata un video in cui il governatore, di religione cattolica e origini cinesi, diceva a delle persone che il Corano non vieta ai musulmani di eleggere politici di altre religioni. La sentenza ha diviso l’isola con manifestazioni a favore del governatore, fuori dal tribunale

“Sono molto contrariato. Come può essere imprigionato per qualcosa che non ha fatto? Il procuratore ha mostrato che non c’erano prove della sua colpevolezza e ora il giudice dice che è colpevole. Siamo certi che la corte non abbia ricevuto pressioni dai gruppi musulmani ?” – dice un manifestante. Secondo i sostenitori di Purnama, dietro la sentenza c‘è la volontà di impedire una sua nuova candidatura.
A Giacarta, tuttavia, si sono tenute anche manifestazioni contro il governatore con manifestanti che chiedono il massimo della pena: cinque anni. La sentenza accende un faro sull’Indonesia, il più grande Paese musulmano del mondo, e la sua capacità inclusiva dal punto di vista religioso.