ULTIM'ORA

Primo maggio in piazza nel mondo, tra scontri e cortei di protesta

Il primo maggio ha visto milioni di persone scendere in piazza in tutto il mondo, tra rivendicazioni, denunce e scontri.

Lettura in corso:

Primo maggio in piazza nel mondo, tra scontri e cortei di protesta

Dimensioni di testo Aa Aa

Il primo maggio ha visto milioni di persone scendere in piazza in tutto il mondo, tra rivendicazioni, denunce e scontri. Le strade di New York e di altre città degli Stati Uniti, come Los Angeles e San Francisco, sono state animate da cortei organizzati da gruppi per i diritti civili e sindacati contro Donald Trump e la sua politica, soprattutto sull’immigrazione. “Credo che il concetto di patriottismo sia cambiato, dall’andare in guerra al difendere la democrazia”, dice un dimostrante.

All’Avana la tradizionale sfilata è stata disturbata da un manifestante che si è messo a correre da solo in testa al corteo ufficiale con una bandiera degli Stati Uniti. L’uomo è stato rincorso da diversi agenti della sicurezza in civile, che lo hanno bloccato e portato via.

Primo maggio a Berlino sotto strette misure di sicurezza dopo l’attacco al mercatino di Natale del 19 dicembre. Il corteo organizzato da gruppi di estrema sinistra si è chiuso con diversi arresti, dopo che alcuni manifestanti hanno lanciato bottiglie contro gli agenti.

A Parigi ci sono stati scontri tra polizia e black bloc incappucciati, nel corso della manifestazione sindacale che si è snodata tra Place de la Republique e la Bastiglia.

Contro le forze dell’ordine alcune persone mascherate e incappucciate hanno lanciato oggetti e bottiglie molotov. Tre poliziotti sono rimasti feriti, uno dei quali è grave, con ustioni di terzo grado al viso e a una mano.