ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Odense, capitale della robotica


business planet

Odense, capitale della robotica

Questa settimana Business Planet è a Odense. Cittadina danese celebre nel mondo per i suoi robot.
25 anni fa qui è stato creato un autentico ecosistema in grande evoluzione.

La robotica in Europa

  • Quello della robotica è un mercato in rapido sviluppo con un impatto importante sulla capacità dell’Europa di mantenere ed espandere un settore manifatturiero competitivo.
  • Puo’ offrire anche nuove soluzioni alle sfide sociali dall’invecchiamento in tema di salute, trasporti intelligenti, sicurezza, energia e ambiente.
  • A Odense, Danimarca, l’unione virtuosa di un manipolo di start up è un esempio di un ambiente favorevole per la robotica. L’idea è di fornire il supporto tecnico, strategico e finanziario ideali per per aiutare le nuove aziende a proporre i loro prodotti sul mercato e puo’ essere utile alla creazione di nuovi posti di lavoro.

Link utili

Ce lo ha spiegato un dirigente della Odense Robotics fra i creatori di un coordinamento fra aziende, startup e investori. Nel sistema operano piu’ di 100 società con oltre 2600 dipendenti attivi nella robotica e l’ automazione.

Un bell’esempio è Kubo un robottino che è stato concepito qui e realizzato in Danimarca. Il suo compito è dare ai bambini dai 3 anni in su le basi per la programmazione, per imparare la sintassi, comporre musica o cominciare ad acquisire i fondamenti della matematica.

Kubo è stato sviluppato da due giovani membri di una startup che qualche mese fa erano ancora studenti di ingegneria. Hanno messo a frutto l’efficacia del cluster.

Intanto i dirigenti della piattaforma assicurano che nei prossimi tre mesi si metterà alla prova la produzione totale nelle scuole dell’intera Danimarca, e d’altro canto nelle vacanze estive verrà avviata la vendita in tutta Europa.

Grazie al cluster quest’azienda ha potuto ottenere in fretta i finanziamenti e quindi varare un solido modello di sviluppo.

La grande tendenza del momento è il genere di robot che si chiama cobot, cioè il robot collaborativo. Una macchina che lavora insieme all’uomo ed è molto flessibile ed efficace.

Dagli odierni 10.000 robot collaborativi si potrebbe passare a 700.000 sull’orizzonte del 2025 come spiegano i siti specializzati D’altronde ci sono fondi europei che sostengono l’innovazione e la ricerca nel campo della robotica.

In Europa ci sono centinaia di imprenditori che sognano di integrare questo settore della robotica.

Un orizzonte comunque complesso. Il consiglio che si puo’ dare è sicuramente d’integrare il cluster di Odense che aiuta nello sviluppo dei prototipi, nel piano business e negli incontri con gli investitori.