ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Traffico di armi, giro di vite dell'Interpol


mondo

Traffico di armi, giro di vite dell'Interpol

Un nuovo colpo è stato messo a segno dall’Interpol nell’ambito della lotta contro il traffico illecito di armi dai Paesi orientali e le regioni europee dei Balcani.

L’operazione denominata Trigger II ha portato all’arresto di 149 persone in 23 Paesi, insieme al sequestro di 321 armi da fuoco, tra cui anche un lanciarazzi, una mitragliatrice, quasi 20.000 pezzi di munizioni, ma anche granate ed esplosivi vari.

“Il successo non si misura solo per il numero di controlli, le persone arrestate, il numero di articoli sequestrati e così via”, afferma Branislav Pavlovic, capo di Interpol a Sarajevo. “Utilizzando azioni di polizia sincronizzate in diversi paesi inviamo un messaggio chiaro ai criminali. I poliziotti di diversi paesi in tutto il mondo lavorano insieme contro il crimine organizzato.”

All’operazione coordinata dall’Interpol, hanno partecipato oltre 7.800 agenti. Al sequestro delle armi si è arrivati dopo un’analisi capillare dei database nella sede centrale di Lione.

“Quasi ogni arma da fuoco recuperata viene da qualche altra parte”, spiega John Hageman, capo della sezione armi da fuoco di Interpol. “Quindi, un Paese può adottare una legislazione rigorosa sulle armi da fuoco, ma ancora non può controllare ciò che accade in altri Paesi. In questo modo le armi riescono a muoversi in tutto il continente europeo ed il pericolo per i cittadini è che a volte possono arrivare da 500 o 1000 chilometri di distanza e non individuarle potrebbe compromettere la sicurezza”.

La Trigger II è l’ideale continuazione di un’operazione con lo stesso nome iniziata nell’aprile dello scorso anno e che si rese necessaria per l’aumento dei timori per il traffico illecito di armi nei Balcani e per i diversi attentati terroristici compiuti in Europa e in altre parti del mondo.

In quell’occasione la base di coordinamento venne stabilita dall’Interpol a Sarajevo ed anche in quel caso vennero effettuati arresti e sequestrati esplosivi e armi.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Kazakhstan

Fisher e Iurtchikhin hanno bussato alla porta dell'ISS