ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Strage a san Pietroburgo: forse arrestato cervello dell'attacco

Un uomo è stato fermato dai servizi segreti russi. Potrebbe essere la mente dell'attentato che ha fatto 14 morti nella metro di san Pietroburgo

Lettura in corso:

Strage a san Pietroburgo: forse arrestato cervello dell'attacco

Dimensioni di testo Aa Aa

Un uomo sospettato di essere l’organizzatore dell’attacco alla metro di San Pietroburgo,
avvenuto due settimana fa, è stato arrestato vicino a Mosca.

È stato identificato come Abror Azimov, nato nel 1990 ed originario dell’Asia centrale. Sarebbe agli arresti nella città di Odintsovo a ovest della capitale russa, dove è interrogato dagli inquirenti. Si tratta della nona persona arrestata nell’inchiesta sull’attacco compiuto dal kamikaze kirghiso di etnia uzbeka di 22 anni, Akbardjon Jalilov.

Azimov è accusato di avere addestrato Jalilov ad usare la bomba che poi utilizzò compiendo la strage.

Gli sono stati sequestrati due smartphone che aveva con sé.