ULTIM'ORA

Totò, 50 anni dalla sua scomparsa

Napoli lo ricorda con tre mostre che raccontano i mille volti di uno dei geni dello spettacolo comico italiano.

Lettura in corso:

Totò, 50 anni dalla sua scomparsa

Dimensioni di testo Aa Aa

E pensare che a 50 anni dalla sua scomparsa una parte della critica non si è rinconciliata con Antonio De Curtis, in arteTotò , ad oggi considerato uno dei geni dello spettacolo comico italiano. Con la sua ironia che spezzava gli schemi, ha raccontato un’epoca importante della storia italiana quella del “dopoguerra” grazie al suo linguaggio rivoluzionario.

Napoli, città natale del grande attore di cinema e teatro, con 97 film interpretati, lo ricorda con tre mostre che raccontano la storia d’amore con il luogo di nascita. “Totò Genio”, la più grande rassegna mai dedicata al principe della risata ricorda non solo il Totò attore, ma anche il poeta, il drammaturgo e il cantante che c’era in lui.

Per l’occasione l’Università di Napoli, ha deciso di conferire all’artista la laurea honoris causa alla memoria in Discipline della Musca e dello Spettacolo. Celebri le sue interpretazioni in “Guardie e Ladri” o ne “la Mandragola” per la regia di Alberto Lattuada, fino all’incontro con Pasolini che lo scelse in “Uccellacci e Uccellini”.