ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Incontro muscolare tra il segretario di Stato Usa Tillerson e il ministro degli Esteri russo Lavrov. Sul tavolo il dossier sulle "no fly zones" in Siria.

Lavrov: "Vogliamo capire che intenzioni ha veramente l'amministrazione Usa"

Lettura in corso:

Incontro muscolare tra il segretario di Stato Usa Tillerson e il ministro degli Esteri russo Lavrov. Sul tavolo il dossier sulle "no fly zones" in Siria.

Dimensioni di testo Aa Aa

Incontro muscolare tra diplomazie in un clima da guerra fredda.
Per la prima volta dopo i bombardamenti americani sulla Siria del 6 aprile scorso, decisi in risposta al presunto uso di armi chimiche da parte di Assad, il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov e il Segretario di Stato americano Rex Tillerson si sono parlati faccia a faccia, a Mosca. Sul tavolo il dossier caldo delle no fly zones in Siria.

“Per noi russi è fondamentale comprendere la posizione degli Stati Uniti, le reali intenzioni dell’amministrazione Trump – ha dichiarato Lavrov – Noi speriamo che l’incontro di oggi vada in questa direzione”

Per tutta risposta, Tillerson ha risposto: “Il nostro incontro di oggi arriva in un momento molto importante per le nostre relazioni, bisogna chiarire quali siano i nostri obiettivi comuni, anche quando i nostri approcci tattici sono diversi”.

Nella notte tra il 6 e il 7 aprile, 59 missili Tomahawk sono stati lanciati da due navi americane di stanza nel Mediterraneo contro la base di Shayrat, da dove, secondo la Casa Bianca, sarebbero partiti i caccia siriani che avrebbero lanciato armi chimiche sui civili nell’area di Idlib.

L’ intelligence Usa accusa Mosca di aver aiutato il governo di Damasco a «coprire» l’attacco che ha ucciso oltre 80 persone. Ma per il Cremlino l’attacco è opera dei ribelli siriani e non delle forze armate siriane.

Mistero sull’incontro tra Putin e Tillerson. Non si sa ancora se il Presidente incontrerà il Segretario di Stato. L’incontro non è previsto ufficialmente, ma Putin potrebbe decidere all’ultimo momento. In un’intervista, pubblicata proprio mentre Tillerson arrivava a Mosca, il presidente russo ha dichiarato che i rapporti tra le due potenze sono peggiorati.