ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Corea del Nord: Pechino e Seul favorevoli a sanzioni più severe


USA

Corea del Nord: Pechino e Seul favorevoli a sanzioni più severe

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

L’invio di navi da guerra americane, guidate dalla portaerei Carl Vinson, verso la penisola coreana, è un chiaro messaggio a Pyongyang da parte dell’amministrazione Trump. E se Washington non esclude ormai nemmeno l’opzione militare per fermare il programma missilistico e nucleare della Corea del Nord, Cina e Corea del Sud si sono dette favorevoli a sanzioni più severe se il regime di Kim Jong-Un dovesse procedere a nuove provocazioni, come è prevedibile in occasione degli anniversari che segnano il mese di aprile.

“È comprensibile che ci prepariamo in tutti i modi a possibili provocazioni da parte della Corea del Nord, considerato che aumentano le possibilità di provocazioni strategiche da parte di Pyongyang, inclusi test nucleari e missilistici”, ha detto il portavoce del ministero della difesa sudcoreano Moon Sang Gyun, giustificando la reazione americana. La Cina, che teme un cambio di regime che potrebbe unificare le due Coree e rafforzare gli Stati Uniti, ha cercato di gettare acqua sul fuoco, nelle parole della portavoce del ministero degli esteri Hua Chunying: “Stiamo prestando grande attenzione agli sviluppi della situazione. Pensiamo che tutte le parti interessate dovrebbero dar prova di moderazione ed evitare azioni che potrebbero aggravare le tensioni”.

Mercoledì scorso Pyongyang ha effettuato l’ultimo dei sempre più frequenti test missilistici. Fra gli anniversari previsti nelle prossime settimane, la parata militare del quindici aprile, in occasione dell’anniversario della nascita del ‘Presidente eterno’, il defunto Kim Il Sung.

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Polonia

Smolensk 7 anni dopo: "L'aereo del presidente polacco esplose in volo"